Immobiliare Canada: gli analisti attendono un rallentamento a breve

Negli ultimi trimestri analisti e investitori canadesi hanno concentrato la propria attenzione sugli sforzi intrapresi dal governo federale per tentare di raffreddare il mercato immobiliare. Dopo mesi di attesa, secondo molti addetti ai lavori il rallentamento potrebbe essere alle porte.

Nel corso degli ultimi anni la forte contrazione del costo dei mutui ha determinato in Canada una corsa ai prestiti da parte di singoli e famiglie, corsa che ha portato il costo degli immobili ad uso residenziale a raddoppiare. Questa situazione, però, dovrebbe presto interrompersi, almeno a giudicare dai commenti degli esperti apparsi sulla stampa locale.

Ci attendiamo una frenata a breve”, ha dichiarato ad esempio Jason Bilodeau, analista presso la Td Securities. “I dati a nostra disposizione indicano che il mercato rallenterà”.

Dello stesso avviso Peter Routledgesaid, della National Bank Financial, secondo cui “durante gli ultimi 20 anni la continua espansione del credito alle famiglie ha alimentato una crescita eccezionale del prezzo degli immobili ma ora questa dinamica dovrebbe interrompersi”, e Basil Fawlty, della Fawlty Analysis, che considera il raffreddamento del real estate “imminente”.

Preoccupato per il surriscaldamento dei prezzi degli immobili e per il crescente debito delle famiglie, la scorsa primavera il ministro delle Finanze Jim Flaherty ha abbassato la durata massima dell’ammortamento di un mutuo finanziato dal governo da 25 a 30 anni, stabilendo inoltre che chiunque voglia accendere un prestito immobiliare debba versare come acconto almeno il 20% del valore della casa che intende acquistare.

Le decisioni del ministro dovrebbero iniziare presto a produrre degli effetti”, ha sottolineato Rob Sedran della Cibc World Markets. “La domanda di mutui dovrebbe iniziare a rallentare, e on essa il costo delle abitazioni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Immobiliare Canada: gli analisti attendono un rallentamento a breve ultima modifica: 2012-11-29T12:45:55+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: