Immobiliare, Casa.it: nel 2014 le cittadine capoluogo di provincia hanno guidato la ripresa del mercato

casa.itIn 8 regioni italiane su 10 i capoluoghi di provincia hanno attualmente dei mercati immobiliari più vivaci rispetto al loro capoluogo di regione. Nel raffronto a 12 mesi, infatti, la crescita delle transazioni nelle cittadine capoluogo è stata del 7,4%, mentre il contributo fornito dagli altri comuni della Penisola è rimasto inchiodato al più 1,7%. Questo sorpasso, per certi versi sorprendente visto l’andamento negativo dei mercati di provincia, è attestato dai dati sull’andamento del mercato immobiliare diffusi a fine marzo scorso da Casa.it.

Dopo anni trascorsi sul fondo della crisi, dunque, le cittadine più rappresentative della provincia italiana si prendono la soddisfazione di balzare in testa al treno della ripresa (+3,6% a livello nazionale), lasciandosi alle spalle diverse grandi città capoluogo di regione.

I numeri ufficiali dell’Agenzia delle Entrate rielaborati dal Centro Studi di Casa.it, dicono chiaramente che solo Roma (+13,9%), Genova (+15%), Bologna (+18,5%) e Cagliari (+12,1%) hanno ottenuto performance migliori rispetto agli altri capoluoghi delle rispettive regioni. Vi sono poi eccezioni come il Piemonte, dove il 70% delle transazioni immobiliari ha riguardato il solo comune di Torino. In tutti gli altri capoluoghi della regione le compravendite non hanno mai superato le 600 unità, fatta eccezione per Novara, che difatti ha registrato una crescita percentuale (+14,4%) superiore a quella di Torino (+6,4%).

Alcuni esempi:

  • Veneto: la serenissima Venezia (in tandem con Mestre) non regge il passo di Verona non solo in termini percentuali (+14,4% +3,2%) ma anche numerici, con oltre 2.300 case compravendute;
  • Lombardia: Milano, che pure ha colto con largo anticipo i segnali di una ritrovata vivacità negli scambi, a fine anno ha fatto segnare un +5% nelle compravendite: risultato modesto se messo a confronto con il +14,7% di Como o il +23,2% di Varese;
  • Campania: il decremento nelle compravendite avvenuto a Napoli (-3,7%) stride a confronto con il +40% di Benevento;
  • Puglia: l’andamento negativo di Bari (-7,6%), viene compensato dal +17,9% registrato a Foggia.

“La nostra analisi conferma che il mercato si sta muovendo, e non solo nelle grandi città: nel 2015, infatti, salvo poche eccezioni al Centro–Sud, la domanda di chi vuole acquistare è cresciuta mediamente di oltre 4 punti percentuali in tutti i comuni capoluogo della Provincia italiana – ha spiegato Daniele Mancini, amministratore delegato di Casa.it -. Il risveglio del mercato in provincia è avvenuto più lentamente rispetto alle grandi città, ma oggi il trend di sviluppo sembra andare a consolidarsi”.

Risulta determinante, in questo senso, il fattore prezzi di vendita. In provincia, infatti, la discesa delle quotazioni in offerta è stata molto forte negli ultimi 2/3 anni. A subirne gli effetti sono stati soprattutto gli immobili di vecchia costruzione situati nei centri storici e in aree semi-centrali, che in media hanno visto eroso il loro valore di mercato nell’ordine del 20%. Per fare un esempio, il +19,7% nelle compravendite registrato a Foggia ha come contraltare una diminuzione del 9,5% nei prezzi di vendita solo negli ultimi 12 mesi.

Questa riduzione di fatto ha riattivato una domanda composta soprattutto da chi non ha bisogno di finanziare al 100% l’immobile da acquistare e può permettersi di accendere un mutuo su una percentuale più modesta, intorno al 30% del valore totale della casa.

“I potenziali acquirenti oggi hanno preso coscienza che il mercato offre abitazioni di standing medio alto in aree urbane più centrali e di maggior pregio a prezzi mediamente inferiori del 20% rispetto a cinque anni fa – ha aggiunto Mancini -. Tradotto in metratura, ciò significa aver l’occasione di acquistare anche una quindicina di metri quadri in più risparmiando.”

Dal report di Casa.it emerge un ultimo, ma significativo, elemento di valutazione: per ora la ripresa del mercato immobiliare residenziale perde vigore man mano che si scende lo Stivale, con la forbice Nord-Sud che tende ulteriormente a divaricarsi. Infatti, nelle regioni del Centro-Sud, già colpite più duramente dalla crisi sia in termini di prezzi sia di immobili compravenduti, i comuni che hanno chiuso con il segno meno il loro anno immobiliare sono stati ancora molti.

Var.% annua di Offerta e Domanda di abitazioni nei comuni capoluogo – marzo 2015 – Var.% annua di Offerta e Domanda di abitazioni nei comuni capoluogo – marzo 2015 –
Tendenze Tendenze
Offerta Domanda Offerta Domanda
MILANO 4,8 3,3 VARESE 2,8 4,4
TORINO 5,5 2,9 COMO 4,2 3,8
GENOVA 5,3 3,6 NOVARA 3,7 4,7
BOLOGNA 4,4 3,9 ASTI 3,2 3,3
FIRENZE 3,1 2,9 VERONA 4,1 3,8
ROMA 5,5 4,7 SAVONA 4,7 5,1
NAPOLI 5,8 1,4 MODENA 5,5 4,6
CATANZARO 6,4 2,1 PARMA 3,5 4,9
BARI 6,7 1,4 PRATO 4,6 4,3
PALERMO 5,8 1,8 VITERBO 2,3 3,5
CAGLIARI 3,8 4,2 CASERTA 6,7 1,4
SALERNO 2,8 1,8
FOGGIA 4,1 2,1
COSENZA 5,2 2,2
SIRACUSA 4,2 1,7
SASSARI 2,7 3,2
Centro Studi Casa.it

 

A proposito di Casa.it  

Immobiliare, Casa.it: nel 2014 le cittadine capoluogo di provincia hanno guidato la ripresa del mercato ultima modifica: 2015-04-21T19:11:39+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: