Immobiliare: consultabili sul sito dell’AdE i dati delle abitazioni nelle principali province italiane relativi al II semestre 2013

Agenzia Entrate LogoL’Agenzia delle Entrate ha reso noto che tutti i dati sul mercato immobiliare delle abitazioni nelle principali province italiane relativi al secondo semestre 2013 sono consultabili sul sito internet www.agenziaentrate.it.

All’interno della sezione dedicata all’Osservatorio del mercato immobiliare, spiega una nota è possibile le Note territoriali che analizzano in dettaglio l’andamento del mercato residenziale delle maggiori città italiane (Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Genova, Catania, Firenze, Salerno, Perugia, Bari, Venezia, Padova, Modena, Crotone, Udine, Pavia, Catanzaro e Mantova), incluse le rispettive province e i Comuni.

Cosa dicono le Note
Realizzate dall’Osservatorio del mercato immobiliare (Omi) in collaborazione con gli uffici provinciali – Territorio dell’Agenzia, le Note fotografano il trend immobiliare dei capoluoghi e delle province italiane, inquadrati nel contesto regionale di riferimento. In particolare, vengono analizzati i volumi di compravendita, confrontati con quelli relativi ai semestri precedenti, e le quotazioni medie delle abitazioni, con raffronti tra le medie comunali e quelle provinciali e, per i capoluoghi, tra le medie comunali e quelle delle zone Omi.

Le Note, inoltre, descrivono la distribuzione delle compravendite secondo la dimensione delle abitazioni e rilevano la percentuale di immobili compravenduti in un determinato periodo di tempo attraverso l’indice Imi (intensità del mercato immobiliare).

Guida alla consultazione
È possibile consultare le Note direttamente dal sito internet dell’Agenzia, seguendo questo percorso: Documentazione > Osservatorio del Mercato Immobiliare > Pubblicazioni > Note territoriali.

Leggi il comunicato

Immobiliare: consultabili sul sito dell’AdE i dati delle abitazioni nelle principali province italiane relativi al II semestre 2013 ultima modifica: 2014-06-21T14:22:47+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: