Immobiliare, cresce Casavo. L’instant buyer supera i 16 mln di indotto nel 2020

Cresce Casavo, la start up specializzata nell’instant buying immobiliare nata nel 2017 con l’obiettivo di abbattere le tempistiche di vendita, eliminando al contempo stress e incertezza del processo. Ad oggi l’azienda ha effettuato oltre 1.100 operazioni immobiliari, per un valore che supera i 300 milioni di euro. Ha un team di 175 persone e al suo network hanno aderito più di 2500 agenzie immobiliari.

Secondo i dati diffusi ieri dalla compagnia, il valore economico generato verso terze parti si è attestato a 16.069.789 euro nel 2020 (28.131.440 euro dal 2018 ad oggi).

Sempre nel 2020, 29.223 persone hanno richiesto valutazione della propria casa e 338.000 persone hanno esplorato la piattaforma di annunci per trovare la loro nuova casa da aprile a dicembre. La piattaforma ha registrato una crescita media mensile di utenti pari al 233% e una crescita media mensile dell’offerta sulla piattaforma di annunci del 300%.

Per stare al passo con uno sviluppo così rapido è stato necessario un notevole aumento delle risorse impiegate, che nel 2020 sono cresciute del 125%, raggiungendo 175 persone, di cui 153 Millennial. Di questi, ben 26 occupano ruoli manageriali.

L’ambiente di lavoro stimolante e innovativo ha valso a Casavo i premi “Best Workplace for Millennials Italia 2020” e “Great Place to Work Italia 2020”.

Casavo non solo nel 2020 ha assunto personale, ma ha anche creato valore e lavoro per diverse aziende dislocate sul territorio che si sono occupate della ristrutturazione dei suoi immobili. Dalle 24 persone coinvolte nel 2018 alle oltre 200 nel 2020: un aumento del 725% che ha portato a un indotto di oltre 16 milioni di euro (+54% rispetto al 2019).

Il successo dell’azienda nell’anno appena concluso è stato anche frutto del modello di business inclusivo, che prevede il coinvolgimento degli agenti immobiliari, da sempre partner importantissimi per l’azienda. Per questo ha deciso di supportarli durante i mesi difficili del lockdown mettendo a loro disposizione tecnologie innovative quali CasavoVisite, l’app lanciata lo scorso marzo per la visita da remoto, e una piattaforma tecnologica a loro riservata volta a fornire tutti gli strumenti utili per aumentare le vendite e facilitare le transazioni.

Dal 2018 a oggi sono oltre 2.500 le agenzie immobiliari che hanno almeno ricevuto un’offerta da Casavo, con un totale di commissioni ricevute pari ad oltre 3,5 milioni di euro.

Momenti importanti del 2020 sono stati anche, a gennaio, l’inizio dell’espansione internazionale con l’apertura in Spagna, ad aprile il lancio della piattaforma di annunci, che ha ampliato l’offerta tecnologica e garantito una crescita mensile dell’offerta di annunci pari al 300%, ultima, ma non meno importante, l’acquisizione, a settembre, di Realisti.co, la start up attiva nella realizzazione di visite virtuali immobiliari.

“In un anno in cui il mondo si è fermato noi abbiamo accelerato la nostra crescita grazie alle importanti innovazioni tecnologiche che sono alla base del nostro modello di business – afferma Giorgio Tinacci, fondatore e ceo di Casavo -. Siamo riusciti ad adattarci in modo molto rapido a situazioni estreme e soprattutto imprevedibili, quali ad esempio il lockdown, e questo ci ha permesso di continuare a offrire i nostri servizi sia ai clienti privati, sia agli agenti immobiliari. Nel corso di quest’anno continueremo a perseguire il nostro obiettivo di offrire la migliore esperienza digitale di compravendita nel mercato del sud-Europa, e di creare valore per i nostri clienti lanciando nuovi servizi e prodotti innovativi”.