Immobiliare, Idealista: a Milano, Roma, Padova e Firenze i quartieri dove i prezzi salgono di più

Idealista LogoA febbraio 2020 in Italia si è registrato un nuovo calo per i prezzi delle case, pari allo 0,3%. Ma la tendenza non è la stessa in tutto lo Stivale. L’Ufficio Studi di Idealista ha dato uno sguardo ai quartieri della città capoluogo che hanno visto il più alto apprezzamento dei valori delle case durante l’anno.

In linea generale l’analisi ha rilevato variazioni positive in 266 quartieri dei principali centri italiani, il 63% dei quali sono al Nord, il 30% al Centro e il 7% al Sud; 63 zone segnano un balzo superiore al 10%; Milano, con ben 60 quartieri che hanno visto i prezzi salire anno su anno è la città con il maggior numero zone in crescita, seguita da Roma con 42, Padova e Firenze con 19, Torino con 16.

La zona d’Italia dove si registra un aumento maggiore rispetto a 12 mesi fa è il quartiere Isola-Garibaldi a Milano, addirittura 74,9%. Una performance che potrebbe sembrare fuori da ogni logica, ma che va contestualizzata. Innanzitutto, si tratta di prezzi richiesti e non di prezzi di compravendita effettuata. Inoltre, il quartiere Isola è “mutato geneticamente” (basti pensare al Bosco Verticale), nel senso che ha subito trasformazioni repentine negli ultimi anni. Sul prezzo medio al metro quadro (5.425 euro) e sulla crescita annuale pesano, e non poco, le nuove costruzioni tradotto: è il nuovo che ha trascinato i valori degli immobili.

Sempre a Milano si segnala la crescita forte delle periferie: Degrano (29%), Turro (28,8%), Gorla (28%), Govone (24,2%), Affori (23,4%), Niguarda (21,6%). Restando in Lombardia, a Bergamo si distingue l’area di Celadina, recentissimo quartiere residenziale a ovest della città, dove i prezzi richiesti per vendere casa si aggirano sui 1.624 euro al metro quadro, con un più 37,9% rispetto a febbraio 2019.

Per quanto riguarda Roma, si mette in evidenza la zona di Trigoria-Castel di Leva, dove il prezzo delle case è di 1.868 euro (+37%). Restando in periferia, da segnalare anche il più 19,1% di Corcolle (1.328 euro/m2) e l’aumento del 10% di Ostia Antica (2.197 euro/m2). Mentre Prati (4.933 euro/m2), con un aumento dei prezzi pari al 10% negli ultimi dodici mesi, è il quartiere del centro che cresce di più nella Capitale.

Il Mezzogiorno presenta aumenti in 18 quartieri dei principali mercati della regione. I rimbalzi più rilevanti si sono registrati a Bari, dove le abitazioni di Ceglie del Campo segnano un recupero del 15,1% rispetto a un anno fa. A Palermo il picco si raggiunge con il più 8% del Centro (zona Monte di Pietà-Seralcadi). Sempre sull’isola, Catania segna aumento del 5,6% in zona San Nullo (1.454 euro/m2). A Napoli, il quartiere di Miano (1.221 euro/m2) segna la maggiore crescita del capoluogo campano.

Tornando alle performances più rilevanti, va citata Bologna, dove la zona di Malpighi (3.870 euro/m2) cresce del 17,9% in 12 mesi per prezzi richiesti di vendita. Un’altra zona di prestigio, ma a Firenze, cresce del 13%: a Campo di Marte, infatti, il prezzo al metro quadro si attesta a 4.217 euro.

Si muove il mercato anche in Veneto, con Padova regina dei rialzi (in 19 quartieri), con gli aumenti maggiori in Sacra Famiglia (1.755 euro/m2), dove i prezzi hanno visto rimbalzo del 14,8%; nella zona di Gazzera a Mestre (1.989 euro/m2) del 14,3%; nella zona Stadio a Verona (1.760 euro/m2) dell’8,3%; nell’area Giudecca di Venezia (4.364 euro/m2) del 7,4%.

Per completare il quadro delle principali città italiane vanno citate le zone di Città Vecchia a Trieste (2.985 euro/m2; 11,3%); Carignano a Genova (2.810 euro/m2; 11%); Centro Storico di Rimini (2.793 euro/m2; 10,7%); Cenisia a Torino (1.827 euro/m2; 9,8%); Passetto ad Ancona (2.078 euro/m2; 9,7%); San Pietro a Reggio Emilia (1.311 euro/m2; 5,2%); Filosofi-Pallotta a Perugia (1.142 euro/m2; 4,3%).