Immobiliare, Idealista: nel II trimestre prezzi delle case in affitto in crescita del 3,2%

Idealista LogoNel II trimestre i prezzi delle case in affitto sono saliti del 3,2%, arrivando a una media di 8,9 euro mensili. È quanto emerge dall’ultimo rapporto sugli affitti del marketplace immobiliare di Idealista.

Si tratta del maggiore balzo regitrato da cinque anni a questa parte, ovvero da quando idealista ha iniziato le sue rilevazioni nel mercato delle locazioni a livello nazionale. Tuttavia, negli ultimi 12 mesi l’incremento è stato modesto (1,1%) rispecchiando l’andamento “flat” dell’inflazione.

“Seguendo il trend della domanda, in forte ascesa negli ultimi mesi, crescono anche i prezzi – ha dichiarato Vincenzo De Tommaso, dell’Ufficio Studi di idealista -. Nelle grandi città la tendenza è piuttosto lineare ed è in atto già da un po’, ma adesso si estende alla città di provincia dove gli affitti sono in crescita o stabili. Milano e a Roma hanno registrato una battuta d’arresto nell’ultimo trimestre, mentre volano Napoli e altre città del centro-sud, dove cresce la tendenza a considerare l’affitto una soluzione abitativa stabile”.

Regioni

Tutte le regioni registrano prezzi superiori a quelli di tre mesi fa, ad eccezione del Friuli Venezia Giulia (-2%). Il maggiore incremento spetta alla Valle d’Aosta, dove il prezzo è cresciuto del 9%. La seguono Calabria e Lombardia, con un aumento del 7,3% e del 6%, rispettivamente. Tutte le altre macroaree sono racchiuse tra il 4,5% della Campania e lo 0,3% di Sardegna e Abruzzo.

Il Lazio rimane la regione più cara per gli affitti, con una richiesta media che ammonta a 11,5 euro/m², raggiunta da Lombardia che si attesta sullo stesso livello di prezzo, segue la Toscana con i suoi 10,3 euro/m² mensili. Gli affitti più bassi della penisola si trovano in Calabria (5 euro/m²), Molise (5,2 euro/m²) e Sicilia (5,8 euro/m²).

Province

57 province sulle 84 monitorate hanno visto incrementare il valore delle locazioni dopo la primavera. Lecce (12,2%) è la provincia dove i prezzi sono cresciuti di più. Rilevanti anche i gli incrementi di Venezia (11,8%) e Cosenza (10,6%), tutti a due cifre. All’opposto, i cali maggiori a Brindisi (-7,9%), Trapani (-6,7%) e Ragusa (-6,4%).

Milano (15,5 euro/m²) continua a guidare la graduatoria provinciale dei prezzi, incalzata da Firenze (13,3 euro/m²) e Roma (12,2 euro/m²). Nella parte più bassa del ranking troviamo Reggio Calabria e Avellino con 4,3 euro al metro quadro e a chiudere Caltanissetta con 3,9 euro/m².

Città

Il 60% delle città capoluogo analizzate in questo report (81) hanno evidenziato variazioni positive dopo il secondo trimestre.

Fra queste spiccano le performance a due cifre di Catanzaro (10,7%) e Salerno (10%), cui fanno da contraltare i tonfi di Siena (-6,5%), Terni (-6,8%) e Cagliari (-7,3%).

Nelle grandi città si osserva un andamento positivo più lineare, anche perchè questi mercati si sono dinamizzati prima. Protagoniste degli ultimi tre mesi le piazze del sud che segnano i maggiori incrementi a Napoli (4,8%), Bari (4,2%), Catania (1,8%) e Palermo (1,5%). Prosegue la costante risalita di Bologna (1,5%) e Firenze (1,4%), mentre Roma (-1,8%) e Milano (-0,5%) segnano una battuta d’arresto.

Il capoluogo meneghino contina a essere il più caro sul fronte delle locazioni con una media di 17,4 euro mensili nonostante la flessione dell’ultimo periodo, davanti a Firenze (15,9 euro/m²) e Roma (13,4 euro/m²).

Chiudono la graduatoria Avellino (4,6 euro/m²), Reggio Calabria (4,5 euro/m²) e Caltanissetta, con 3,9 euro/m².

Per la realizzazione di questo indice sono stati analizzati 69.391 annunci di 154 comuni italiani; questi immobili hanno superato il controllo di qualità basato su informazioni come prezzo, dimensione, distribuzione e non duplicazione.

Immobiliare, Idealista: nel II trimestre prezzi delle case in affitto in crescita del 3,2% ultima modifica: 2018-07-23T15:50:46+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: