Immobiliare, Idealista: nel I trimestre canoni di locazione in crescita del 2,1%

Idealista LogoMentre i prezzi delle case hanno proseguito al ribasso, nel primo trimestre dell’anno i canoni di locazione in Italia sono cresciuti del 2,1%, a 8,6 euro al mese nello stesso periodo. I prezzi sono rimasti pressoché stabili rispetto a dodici mesi fa (0,6%). Lo rileva l’ultima analisi di Idealista.

Per l’affitto di un bilocale, 65 metri quadri per lo standard rilevato da Idealista, si stima un esborso medio di 560 euro al mese, l’importo sale a 747 euro nel Lazio, che è la regione più cara, mentre a Milano si arriva a superare il tetto dei mille euro mensili (1.096 euro/mese).

Secondo Vincenzo De Tommaso, di Idealista: “Il mercato degli affitti gode di buona salute e sembra aver invertito la rotta anche sul fronte dei pezzi. A trainare i canoni sono le regioni del Nord, tutte con variazioni positive superiori alla media del periodo, a eccezione della Liguria. È il segno di un certo risveglio delle attività produttive nelle aree ad alta densità lavorativa, con una crescita dell’occupazione giovanile testimoniata anche dagli ultimi dati Istat”.

Regioni

Salgono a 13 le regioni con il segno positivo nel primo trimestre dell’anno; solo cinque hanno registrato variazioni negative, mentre Toscana e Calabria sono rimaste invariate. Non rilevabile il Trentino Alto Adige.

Gli incrementi maggiori del periodo spettano alla Sardegna (6,2%), seguita da Veneto (5%) e Molise (4,7%), ma è particolarmente significativo che tutte le regioni del nord abbiano segnato rimbalzi che vanno dal 4,4% della Valle d’Aosta al 2,5% del Piemonte. In terreno negativo spicca il drastico calo dell’Umbria (-6,9%), seguita da Lazio (-2 %) e la Liguria (-1,7%).

Nonostante il “taglio” dei prezzi accusato dal Lazio i canoni della regione del centro Italia restano i più alti, con una media di 11,3 euro/m² seguiti da quelli della Lombardia (11 euro/ euro/m²) e della Toscana (9,4 euro/m²). Dall’altro lato valori più bassi della Penisola spettano a Sicilia (5,6 euro/m²), Molise (4,9 euro/m²), e Calabria (4,8 euro/m²).

Province

La situazione in provincia è a macchia di leopardo sebbene 49 aree su 80 presentino variazioni positive. Oscillazioni più ampie caratterizzano questi mercati, dai recuperi a due cifre di Agrigento (12,1%) e Grosseto (11,3%) ai decrementi di Enna (-11,3%), Perugia (9,3%), e Latina (-8,7%).

Milano (14,8 euro/m²) incrementa ulteriormente i propri valori, precedendo Roma (12,2 euro/m²) e Firenze (11,5 euro/m²). Guardando alla parte bassa del ranking troviamo Reggio Calabria (4,4 euro/m²), Caltanissetta (4 euro/m²) e Enna (3,7 euro/m²) a chiudere la graduatoria.

Città capoluogo

Su 78 città capoluogo rilevate in questo indice 43 evidenziano l’incremento dei canoni di locazione negli ultimi 3 mesi. Comunque la domanda è elastica, come testimoniano le ampie variazioni ai due estremi della graduatoria.

I prezzi di affitto sono aumentati a due cifre in 4 città capoluogo con un incremento del 14,3% a Modena, mentre il tonfo maggiore lo ha fatto registrare Savona (-10,9%).

Canoni più stabili per i centri maggiori tra i quali spiccano le performance di Torino (5,8%), Cagliari (3,4%) e Palermo (3%). Tra le metropoli, Milano (1,3%), Napoli (0,3%) segnano lievi correzioni a rialzo, mentre Roma registra ancora una flessione del (2%).

In virtù degli ultimi incrementi Milano è la città più cara per chi cerca una casa in affitto, con una media di 16,8 euro/m² mensili. Alle sue spalle perde leggermente quota Firenze (14,3 euro/m²), che precede Roma a 13,3 euro al metro quadro. Chiudono la graduatoria Reggio Calabria e Crotone con 4,5 euro seguite da Agrigento (4 euro/m²), il capoluogo con gli affitti più a buon mercato d’Italia.

L’indice dei prezzi degli immobili di idealista.

Il portale immobiliare idealista è attualmente una delle pagine web più utilizzate in Italia da privati e professionisti immobiliari per la vendita, l’acquisto e l’affitto di immobili. Con una base dati di 800mila immobili l’ufficio studi idealista realizza analisi e studi relative al prezzo delle abitazioni nel nostro Paese dal 2007.

Per la realizzazione di quest’indice sono stati analizzati i dati di 62.649 annunci di abitazioni in affitto pubblicati su idealista tra gennaio e marzo del 2017; questi immobili hanno superato il controllo di qualità basato su informazioni come prezzo, dimensione, distribuzione e non duplicazione.

Per permettere una sufficiente standardizzazione dei risultati sono analizzati soltanto i comuni che hanno mantenuto una media costante di 50 o più annunci in affitto nel corso del periodo di studio. I comuni che non hanno raggiunto questa media sono stati esclusi dal campione di analisi, al pari di quelli che hanno registrato una variazione di più del 30% del numero di annunci nel periodo dato.

Per assicurare l’esattezza dei dati sono sistematicamente escluse dal rilevamento le case i cui prezzi indicati dagli utenti risultano chiaramente sproporzionati rispetto al valore di mercato.

Tale scarto è stato misurato mediante il calcolo della deviazione standard che consente di ridurre eventuali distorsioni rispetto al valore medio atteso nel calcolo del prezzo al metro quadro.

Immobiliare, Idealista: nel I trimestre canoni di locazione in crescita del 2,1% ultima modifica: 2017-05-04T12:52:39+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA