Immobiliare, indice Fiups 2018: aumenta l’ottimismo tra gli operatori ma i prezzi rimarranno stabili

Immobiliare nuda proprietà real estateNel corso del primo quadrimestre 2018 le aspettative degli operatori immobiliari hanno registrato un miglioramento. È quanto rileva l’indice Fiups, che misura il sentiment del settore. L’indice viene elaborato su base quadrimestrale dal Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma in collaborazione con Sorgente Group e Federimmobiliare e si basa su interviste rivolte a circa duecento operatori del mercato, appartenenti ai settori del trading, development, property management, facility management, progettazione, valutazione, consulenza e finanza immobiliare.

Tra gennaio e aprile sono aumentati gli operatori che ritengono di essere in una fase di netto miglioramento (+11% circa rispetto alla precedente rilevazione), mentre sono diminuiti i soggetti che percepiscono una situazione di stabilità (-25%). Una ridotta quota degli intervistati, pari al 5,26% del campione, (era 3,74%), ritiene che l’attività complessiva del settore immobiliare sia peggiorata.

Ancora, l’11,11% (contro 1,87% degli intervistati della rilevazione precedente) prevede un netto miglioramento dell’economia, mentre il 5,56%% (contro un 0,93% del quadrimestre precedente) percepisce una situazione di peggioramento.

Tutti i comparti si muovono su di un sentiero di stabilità dei prezzi (con quote dal 54% al 67% circa) e di crescita moderata (con quote dal 20% al 35%), da confrontare con i rilevanti decrementi di prezzo riscontrati nel recente passato.

Per tutti i comparti gli intervistati percepiscono, seppure in modo moderato, un forte aumento dei tempi medi di vendita. Parallelamente si annulla la percezione di una forte riduzione.

Immobiliare, indice Fiups 2018: aumenta l’ottimismo tra gli operatori ma i prezzi rimarranno stabili ultima modifica: 2018-08-19T18:52:02+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: