Immobiliare, Tecnocasa: capacità di acquisto scende dopo i 65 anni. Generazioni a confronto

Tecnocasa LogoLa capacità di acquisto di un immobile cresce all’aumentare dell’età, per poi frenare dai 65 anni in poi. In alcuni casi, infatti, gli anziani vendono l’abitazione di proprietà per tornare all’affitto, ad esempio nel caso in cui ci sia la necessità di liquidità per sostenere figli e nipoti oppure per fronteggiare eventuali spese mediche. È una delle evidenze dell’analisi effettuata dall’ufficio studi di Tecnocasa sui comportamenti sul mercato immobiliare di persone appartenenti a diverse fasce di età.

Analizzando la distribuzione di compravendite e affitti, si evidenzia come 2/3 delle operazioni concluse da persone con un’età compresa tra 18 e 36 anni riguardi la compravendita, 1/3 invece ha scelto l’affitto. La percentuale di chi compra cresce all’aumentare dell’età, attestandosi intorno all’80% del totale, per poi diminuire leggermente dai 65 anni in poi”, si legge nello studio.

Acquisti per investimento sale all’aumentare dell’età

Concentrando l’attenzione sugli acquirenti, il report di Tecnocasa sottolinea come la percentuale di acquisti per investimento sia minima (6,9%) tra i 18 ed i 34 anni, con percentuali in progressiva crescita all’aumentare dell’età, toccando il massimo tra i 55 ed i 64 anni quando il ben il 27,1% delle compravendite riguarda l’investimento. Andamento simile anche per le case vacanza, con percentuali basse nelle fasce di acquirenti più giovani, per arrivare fino al 10,2% nella fascia di età tra 55 e 64 anni. “Appare chiaro come all’aumentare dell’età aumenti anche la disponibilità di spesa degli acquirenti e questo determina un maggior numero di acquisti per investimento e di case vacanza”, si legge nel report.

Abitazione principale, preferito il trilocale

Quali sono le tipologie più compravendute nelle diverse fasce di età per quanto riguarda l’abitazione principale? Il trilocale la fa sempre da padrone, piazzandosi al primo posto qualsiasi sia l’età dell’acquirente. Troviamo poi il 4 locali che mantiene sempre percentuali costanti intorno al 20%. La fascia di età più attiva per quanto riguarda l’acquisto di tagli ampi e di ville è quella compresa tra 35 e 54 anni, dove più del 30% delle compravendite riguarda queste tipologie, mentre dopo i 54 anni si assiste ad una progressiva discesa di queste percentuali.

Metrature intermedie gradite dalle famiglie

Le fasce di età intermedie sono quelle più interessate ad abitazioni dalle ampie metrature perché, come risulta evidente dal seguente grafico, tra i 35 ed i 54 anni la famiglia degli acquirenti è mediamente più numerosa e spesso formata da genitori e figli (nel 40% dei casi circa). Superata questa età il nucleo familiare molte volte si ridimensiona, i figli lasciano casa e gli acquirenti sempre più spesso sono single oppure coppie senza figli. Le famiglie con figli, infatti, si riducono al minimo scendendo fino al 10,4% per gli acquirenti dai 65 anni in su.