Immobiliare Usa: a maggio vendite in crescita dell’11,6%. Prezzi su del 10,8%

I dati raccolti nell’analisi suggeriscono che la ripresa del mercato, che ha avuto inizio lo scorso anno, si sta facendo strada nel 2013. L’inventario ridotto continua ad essere fonte di preoccupazione, anche se mostra segni di stabilizzazione. Il report immobiliare Re/Max offre una sintesi dei dati nelle 52 aree metropolitane, riscontrando che il numero di case in vendita a maggio era pressoché invariato rispetto ad aprile, ma ancora inferiore rispetto allo scorso anno di un significativo 26,4%. L’inventario mensile di maggio è su livelli minimi, una chiara indicazione che siamo in un mercato di venditori. Il risultato della scarsa offerta e la domanda elevata è l’aumento dei prezzi ed un numero basso di giorni sul mercato, solo 70 per maggio. Mentre i prezzi delle case salgono, milioni di proprietari di case ottengono nuovamente un valore più equo dei loro immobili. Con una prospettiva finanziaria più brillante, molti si sentiranno più disposti a vendere le loro case e la carenza di inventario verrà notevolmente ridotta.

Dopo alcuni anni di dati deludenti, siamo davvero contenti di assistere ad una ripresa immobiliare finalmente in pieno svolgimento. Il mese di maggio continua il trend che abbiamo visto nel 2013, una crescita costante e coerente”, ha sottolineato Margaret Kelly, ceo di Re/Max. “L’anno scorso è stato l’anno della svolta e quest’anno rappresenta un nuovo inizio sulla strada della sostenibilità.”

TRANSAZIONI MEDIE SU BASE ANNUA

L’Housing Report Re/Max mostra un incremento del 13,2% nel numero di transazioni chiuse nel mese di aprile 2012 e un aumento dell’ 11,6% rispetto alle vendite nel maggio 2012. Maggio diventa il 23° mese consecutivo che mostra un aumento delle vendite rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Con le vendite sempre più elevate rispetto al mese precedente, la stagione di vendita di quest’anno sembra stia guadagnando terreno. Delle 52 aree metropolitane analizzate a maggio, 45 registrano vendite superiori al maggio 2012, con 30 di esse che riportano guadagni a due cifre, tra cui: Providence, RI +35,3%, Raleigh e Durham, NC +31,6%, Chicago, IL 31,2%, Albuquerque, NM +30,3%, Trenton, NJ +29,0% e Indianapolis, IN +26,7%.

PREZZI DI VENDITA SU BASE ANNUA

Per tutte le case vendute a maggio, il prezzo mediano è stato di 185 mila dollari, del 4,2% superiore alla media registrata ad aprile e del 10,8% più alto rispetto al prezzo nel maggio 2012.

Per 16 mesi di fila, il prezzo è stato superiore a quello dello stesso mese dell’anno precedente. Con la domanda corrente degli acquirenti e basse scorte di case in vendita, i prezzi delle case sono destinati a restare più elevati rispetto allo scorso anno.

Delle 52 aree metropolitane intervistate a maggio, solo tre hanno sperimentato un calo di anno in anno nella media del prezzo: Trenton, NJ -0,2%, Burlington, VT -0,6% e Albuquerque, Nuovo Messico -2,7%. Tuttavia,  un totale di 49 aree metropolitane ha visto di anno in anno un aumento dei prezzi, con 21 di esse che hanno riportato incrementi a doppia cifra, tra cui: Detroit, MI +45,8%, Atlanta, GA +42,9%, San Francisco, CA +40,1%, Las Vegas , NV +31,5%, Los Angeles, CA +29,6%, e San Diego, CA 26,1%.

GIORNI MEDI SUL MERCATO

Per tutte le case vendute a maggio, la media dei giorni sul mercato è stata solo di 70. Questo dato è di 7 giorni inferiore alla media vista nel mese di aprile ed è stata di 22 giorni inferiore rispetto alla media di maggio 2012 con 92. La media di 70 di  maggio è la 12esima volta nell’ultimo anno in cui è stata inferiore ai 90 giorni. Una media bassa di giorni sul mercato è il risultato diretto di poche case in vendita e una domanda elevata da parte degli acquirenti. I giorni sul mercato sono il numero medio di giorni che intercorre dalla presa di incarico alla firma del contratto.

INVENTARIO MENSILE  – Media delle 52 Aree Metropolitane

Il numero di case in vendita a maggio è rimasto pressoché invariato da aprile, con una diminuzione di appena 0,9%, mentre il calo da maggio 2012 è stato del 28,4%. Con la diminuzione delle percentuali di calo, le scorte di case possono tornare a livelli più equilibrati. Delle 52 aree metropolitane, solo in tre si è registrato un aumento dell’inventario complessivo rispetto allo scorso anno: Little Rock, AR +0,6%, Tulsa, OK +3,7% e Manchester, NH +11,7%. Un tasso bassissimo di mesi continua ad essere visto in città come: San Francisco, CA 1.0, Denver, CO 1.4, Boston, MA 1.5, Los Angeles, CA 1.5, Phoenix, AZ 1,7, San Diego, CA 1.8, Washington, DC 1.9, Orlando, FL 1.9, e Seattle, WA 2.0.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Immobiliare Usa: a maggio vendite in crescita dell’11,6%. Prezzi su del 10,8% ultima modifica: 2013-07-02T16:23:18+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: