Immobiliare Usa: a ottobre vendite in crescita del 17,8% su base annua

“Essendo entrati nell’ultimo trimestre, possiamo affermare che il 2012 appare come l’anno di svolta dell’immobiliare con aumenti significativi dei prezzi di vendita”, ha dichiarato Margaret Kelly, ceo di Re/Max. “Tuttavia, ci rendiamo conto che questa ripresa sia ancora fragile e dipendente da una politica e regolamentazione di prestiti più ragionevole. Se gli acquirenti qualificati potessero ottenere i mutui con più facilità e più case si rendessero disponibili sul mercato, ciò potrebbe consentire una ripresa ancora più forte la prossima primavera”.

TRANSAZIONI MEDIE SU BASE ANNUA

Le vendite di case, si legge nel report, sono state del 17,8% superiori ad ottobre 2011. Questo rappresenta il sedicesimo mese consecutivo in cui le vendite sono state superiori rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Le vendite sono state anche del 5,4% più elevate rispetto al mese precedente, il che rappresenta un risultato impressionante specie se si considera che solitamente gli andamenti stagionali prevedono un leggero calo da settembre ad ottobre. Tra le 52 aree metropolitane intervistate nel mese di ottobre, 48 hanno visto un aumento delle vendite rispetto ad un anno fa e 40 hanno registrato addirittura il record di aumenti a doppia cifra, tra cui: Providence, RI 48,0%, Chicago, IL 44,0%, Albuquerque, NM +39,3%, Burlington, VT +37,0%, Wichita, KS +32,2%, Nashville, TN +31,5% e Charlotte, NC +31,3%.

PREZZI DI VENDITA SU BASE ANNUA

158.900 $ è stato il prezzo medio di tutte le case vendute nel mese di ottobre. Ciò rappresenta un calo del 3,7% rispetto al prezzo mediano nel mese di settembre, ma un aumento del 2,1% da ottobre 2011. Ottobre è il nono mese consecutivo con un aumento dei prezzi rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I prezzi stanno seguendo una tendenza tipica al ribasso in autunno e in inverno, dopo un picco nel mese di giugno. Tuttavia, i prezzi rimangono più alti rispetto allo stesso mese nel 2011. Delle 52 aree metropolitane intervistate un significativo 92% (corrispondente a 48 aree) ha registrato un incremento dei prezzi rispetto allo scorso anno, mentre 18 hanno visto guadagni a doppia cifra, tra cui: Phoenix, AZ +33,9%, San Francisco, CA +31,2%, Detroit, MI +26,3%, Boise, ID +24,7%, Miami, FL +22,0%, Seattle, WA +16,9%, e Tampa, FL +16,5%.

GIORNI MEDI SUL MERCATO

I giorni medi sul mercato per le case vendute nel mese di ottobre sono stati 82, superiori di 1 solo giorno rispetto agli 81 di settembre, ma 13 giorni in meno rispetto alla media di 95 vista lo scorso ottobre. Ottobre rappresenta la quinta volta negli ultimi 12 mesi in cui la media di mercato è stata inferiore al 90, ed è stata la seconda media più bassa registrata da giugno 2010. I giorni in media di mercato continua a scendere in molti mercati a causa di un inventario molto basso. La media dei giorni sul mercato continua a cadere in molti mercati a causa della bassa disponibilità di immobili in vendita. I giorni sul mercato sono il numero medio di giorni che intercorre dalla presa di incarico alla firma del contratto.

INVENTARIO MENSILE – Media delle 52 Aree Metropolitane

Nel mese di ottobre, il numero di case in vendita è sceso del 6,3% da settembre e del 28,9% rispetto ai livelli di inventario visti nel mese di ottobre 2011. L’inventario mensile è ormai in caduta da 28 mesi consecutivi. L’aumento dei prezzi è il risultato di inventari nettamente in declino, ma un inventario basso si traduce anche in un minor numero di transazioni chiuse. Con il tasso di vendite nel mese di ottobre, il tempo medio di vendita è stata di 5,2 mesi, due mesi e mezzo inferiori alla media 7,7 nel mese di ottobre 2011. Un basso inventario continua ad essere visto in città come San Francisco, CA 1.1, Los Angeles, CA 1.5, Orlando, FL 2.4, Denver, CO 2.4, Washington, DC 2.5, Seattle, WA 2.6, San Diego, CA 2.7, Detroit , MI 2.7 e Miami, FL 2.8.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Immobiliare Usa: a ottobre vendite in crescita del 17,8% su base annua ultima modifica: 2012-11-28T09:43:20+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: