Immobiliare Usa: cresce a febbraio il numero dei cantieri

Le costruzioni di case unifamiliari, considerate dagli operatori come uno dei parametri più importanti per giudicare lo stato di salute del mercato, sono salite dello 0.5% su base mensile e del 31,5 rispetto a febbraio 2012, raggiungendo il livello più alto in assoluto da giugno del 2008. A trainare la crescita sono soprattutto le regioni del Midwest, con un più 37,5%, seguite dal Northeast, con un più 18,4.

Anche i permessi per nuove costruzioni hanno segnato un più 4,6% da gennaio, per un totale annuo di 946mila unità.

Gli esperti intervenuti sulla stampa specializzata sono abbastanza concordi nel ritenere che questi numeri suggeriscano l’esistenza di un trend consolidato di ripresa dopo lo scoppio della bolla immobiliare nel 2006. Una ripresa che appare supportata dall’aumento dell’occupazione e dal calo dei tassi applicati ai mutui, vicini ai minimi storici (in questo momento un tasso medio a trent’anni ruota intorno al 3,66%, poco più della metà di quelli disponibili nell’2008). Non a caso, sottolineano gli addetti ai lavori, sul territorio statunitense la vendita delle case nel 2012 ha registrato un aumento del 20% rispetto all’anno precedente.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Immobiliare Usa: cresce a febbraio il numero dei cantieri ultima modifica: 2013-03-20T11:41:58+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: