Immobiliare.it, in Italia neanche le case nuove superano la prova dell’isolamento acustico

Secondo una recente analisi, condotta sulla base dei dati riportati dal sito NuoveCostruzioni.it, i migliori edifici di nuova costruzione rientrerebbero nella classe B della nuova graduatoria che ricalcherà quella attualmente in uso per la classificazione energetica. In particolare, secondo la società, in Italia i casi virtuosi sono rappresentati da Lombardia ed Emilia Romagna, rispettivamente con il 10% e il 9% dei cantieri in cui si costruisce con criteri che permetterebbero una collocazione delle abitazioni in classe B o superiore. In Calabria invece solo il 2% dei cantieri sembra essere pronto a costruire nel rispetto delle nuove regole.

Nonostante i costi per isolare acusticamente gli immobili nuovi siano tutt’altro che esorbitanti – si legge in un comunicato – l’Italia è ancora molto indietro nel processo di messa a norma e in Lombardia, come detto regione in testa alla classifica delle nuove costruzioni “silenziose”, solo il 6% dei costruttori si dichiarano pronti e già attrezzati per soddisfare appieno i criteri per realizzare immobili che possano ottenere la classe A”.

Dall’analisi emerge che i costi di realizzazione degli appartamenti con un buon isolamento acustico sono abbastanza contenuti. “Per un bilocale di 60 mq in un condominio il costo si aggira sui 1.000 euro, mentre per un trilocale di 90 mq la cifra è di circa 1.200 euro, ovviamente questi costi  sono indicativi e possono variare fortemente in funzione del numero di finestre,  delle prese d’aria, della presenza o meno di fonti di rumore (come ad es. impianti di condizionamento, deumidificazione, caldaie, ascensori, ecc)” precisa una nota. Sensibilmente più elevati sono i costi di interventi su una casa già esistente, “anche solo per sostituire i serramenti e le prese d’aria il costo si aggira sui 1.000 euro ad infisso”.

Immobiliare.it, in Italia neanche le case nuove superano la prova dell’isolamento acustico ultima modifica: 2011-03-31T08:10:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: