Imprebanca, nel 2013 impieghi per 168,3 milioni, in crescita del 51%

Imprebanca LogoL’assemblea d’Imprebanca ha approvato il bilancio relativo all’esercizio 2013. Il totale impieghi al 31 dicembre 2013, si legge in una nota, si è attestato a circa 168,3 milioni di euro, in crescita del 51% rispetto a 111,3 milioni di euro circa nel corrispondente periodo 2012. Il rapporto impieghi vivi su raccolta da clientela si è attestato al 75%.

Il risultato netto al 31 dicembre 2013 è stato negativo di 1,6 milioni di euro, contro il dato di 1,3 milioni di  euro del precedente esercizio 2012 in quanto fortemente condizionato dai recenti sviluppi della pratica di rimborso dell’indennizzo relativo alla rapina del dicembre 2012, un evento straordinario, che in una interpretazione rigorosa dei principi contabili internazionali, ha avuto un impatto negativo di 1,7 milioni di euro.

“L’anno appena trascorso è stato un anno di importanti conferme per Imprebanca che, nonostante il difficile contesto economico, ha consolidato la capacità di sostegno e di supporto all’economia del territorio e ha saputo interpretare i cambiamenti in atto e le nuove esigenze di imprese e famiglie – ha dichiarato Tommaso Gozzetti, presidente del cda -. Nel 2014, intendiamo proseguire il percorso di crescita della Banca capitalizzando al meglio il potenziale relazionale su cui Imprebanca è stata costituita grazie ad un asset distintivo rappresentato dagli oltre 40 Soci imprenditori, un valore aggiunto fondamentale per il futuro dell’Istituto”.

“I risultati testimoniano una gestione 2013 improntata allo sviluppo, sia sul fronte commerciale,grazie all’acquisizione di nuova clientela e all’incremento dell’operatività dei rapporti in essere attraverso un’attenta azione di fidelizzazione, sia sul fronte della crescita dimensionale con l’avvio dei servizi di risparmio ed investimento, l’introduzione di funzioni di e-payment, e soprattutto con l’apertura di due nuove succursali, in corso Trieste a Roma e nella città di Trento, quest’ultima la prima succursale Imprebanca aperta fuori regione – ha aggiunto Riccardo Lupi, direttore generale -. Tali azioni proseguiranno nel 2014 con maggiore intensità e più ampio raggio di azione, con l’obiettivo di consolidare il modello di business di Imprebancaaffermandone il ruolo di istituto di riferimento per famiglie e imprese del territorio”.

I PRINCIPALI RISULTATI 2013

Il totale impieghi al 31 dicembre 2013 si è attestato a circa 168,3 milioni di euro, in crescita del 51% rispetto a 111,3 milioni di euro circa nel corrispondente periodo 2012. Il rapporto impieghi vivi su raccolta da clientela si è attestato al 75%.

Al 31 dicembre 2013 i crediti per cassa con clientela, al netto delle rettifiche di valore, sono stati pari a 56,1milioni di euro circa, in aumento del 8% circa rispetto ai 51,8 milioni di euro al 31 dicembre 2012 e in controtendenza rispetto alla flessione del 3,4% registrata dal sistema.

La positiva evoluzione di crediti verso clientela, in aumento di circa 5 milioni di euro rispetto al 2012, è stata finanziata interamente dalla raccolta diretta da clientela, da raccolta stabile presso Cassa Depositi e Prestiti finalizzata al finanziamento delle PMI, nonché dall’operazione a tre anni con la Banca Centrale (LTRO).

La raccolta totale si è attestata a 133,5 milioni di euro circa, in aumento del 78% rispetto al dato di 75,1 milioni di euro nel corrispondente periodo 2012. Il dato è riconducibile sia alle attenuazioni delle tensioni sui mercati finanziari che hanno favorito una ripresa dell’attività di funding delle banche italiane a tassi di mercato, sia al consolidamento dell’azione commerciale nel territorio di riferimento.

Il margine di interesse si è attestato a 3,3 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto al dato di 3 milioni di euro del 2012.

Il margine di intermediazione al 31 dicembre 2013 è stato pari a 6,2 milioni di euro circa, in crescita del 29% rispetto a 4,8 milioni di euro dello scorso anno. Alla positiva evoluzione concorrono sia il margine da commissioni cresciuto dell’80% circa- grazie al consolidamento dell’azione commerciale nel territorio di riferimento e alla maggiore fidelizzazione dei clienti della banca -sia gli utili su titoli per 1,5 milioni di euro.

Escludendo tale evento, la gestione ordinaria della Banca nell’esercizio in esame evidenzierebbe una perdita di euro 231 mila.

Pertanto a conferma di quanto già registrato nel primo semestre dell’anno, si rileva un forte avvicinamento al break even.

NOMINA DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 2014-2016

L’Assemblea ha nominato il Consiglio di Amministrazione in carica fino al 2016.

Tommaso Gozzetti è stato confermato Presidente, Simon Pietro Salini Vicepresidente. Gian MorrisAttia, già Consigliere, assume la carica di Vicepresidente a seguito delle dimissioni di Leonardo Corsi.

Riccardo Lupi, Direttore Generale di Imprebanca, è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione in qualità di Consigliere.

Consiglio di Amministrazione

Presidente: Tommaso Gozzetti

Vice Presidente: Simon Pietro Salini

Vice Presidente: Gian MorrisAttia

Consigliere: Andrea Caporlingua

Consigliere: Dario Coen

Consigliere: Giancarlo Cremonesi

Consigliere: Riccardo Lupi

Consigliere: Lucio Macchia

Consigliere: Andrea Pecchio

ATTI DI RILIEVO INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO

Rimborso anticipato prestito LTRO

La banca ha rimborsato parzialmente il prestito LTRO alla Banca Centrale (8 milioni di euro rispetto ai 18 milioni ottenuti) in considerazione della buona situazione di liquidità che consente di far fronte ad un incremento degli impieghi previsto nel Piano Industriale 2014/15 ricorrendo alla raccolta della clientela, alla Cassa Depositi e Prestiti ed alla prevista emissione di certificati di deposito/Obbligazioni.

Imprebanca, nel 2013 impieghi per 168,3 milioni, in crescita del 51% ultima modifica: 2014-05-12T16:31:54+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: