Incontro della Fenafi sui minibond, una sintesi dei lavori

Fenafi LogoLa Fenafi, Federazione nazionale delle società finanziarie, ha recentemente organizzato un incontro sullo strumento del minibond, al fine di illustrare un nuovo strumento di liquidità che in tempi di stretta creditizia potrebbe aiutare le imprese italiane.

Nel corso dell’incontro il presidente della Fenafi, l’avvocato Santo Alfonso Martorano, di fronte ad un folto pubblico, ha spiegato i dettagli di questa novità dell’economia italiana. “Ci sono molte aziende in Italia che potrebbero ambire al mercato dei minibond per finanziare il proprio sviluppo – ha sottolineato Martorano -. Il Decreto Sviluppo e il Decreto Destinazione Italia hanno eliminato tutti gli ostacoli fiscali e normativi che impedivano alle società non quotate di emettere obbligazioni (introducendo in primis deducibilità degli interessi passivi e dei costi di emissione).

Il credito bancario è cresciuto in Italia, per molti anni, ben sopra la dinamica di investimenti e produzione: da novembre 2011 a oggi si sono persi 98 miliardi di finanziamenti bancari, 57 nel 2013. I minibond sono risorse per finanziare la crescita, non la ristrutturazione del debito.

Le aziende che potrebbero sfruttare questa opportunità devono rispettare determinati requisiti tecnici di bilancio, ma soprattutto devono essere aziende trasparenti, con manager credibili, con struttura dei costi flessibili e un piano di sviluppo ben delineato I minibond allargano la cultura finanziaria d’impresa perché impongono la certificazione dei bilanci e il dialogo con gli investitori; e servono a diversificare le fonti di finanziamento e quindi a migliorare il merito di credito. Da febbraio 2013 Borsa Italiana ha aperto il mercato non regolamentato per i minibond.

Ben vengano tutte le iniziative volte a sostenere strumenti alternativi per la finanza d’impresa. Ogni azienda che investe favorisce anche tutta la filiera dell’indotto”.

Incontro della Fenafi sui minibond, una sintesi dei lavori ultima modifica: 2014-09-24T11:19:18+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: