Indra scommette sulla “open insurance” per la trasformazione del settore assicurativo

Indra LogoIndra, società attiva in tutto il mondo nel campo della tecnologia e della consulenza, ha presentato diverse soluzioni con una forte componente tecnologica che consentono significativi risparmi in termini di efficienza e di impatto sull’esperienza e sulla soddisfazione dei clienti finali delle compagnie assicurative.

“Il settore sta subendo una profonda trasformazione. Ci stiamo muovendo verso un modello più aperto e collaborativo in cui la tecnologia semplificherà, o farà sparire, i processi, consentendo l’accesso a nuovi segmenti, prodotti e modelli di business che fino ad ora non erano stati affrontati dal settore assicurativo – ha sottolineato Elena Pablos Espada, direttore del mercato assicurativo di Indra -. Le aziende che avranno un impatto positivo sull’esperienza del cliente e che svilupperanno una proposta di valore differenziale adattata al proprio contesto, avranno un grande vantaggio nel prossimo decennio. In quest’ottica, un fattore abilitante fondamentale sarà l’effettiva applicazione delle tecnologie emergenti come Artificial Intelligence, Big Data e Blockchain, nonché la creazione di ambienti collaborativi che avranno un effetto esponenziale e moltiplicatore sulla personalizzazione di prodotti e servizi e sull’acquisizione della fiducia dei clienti”.

Il settore assicurativo, in fase di reinvenzione, dovrà rispondere nei prossimi anni alle richieste dei consumatori che hanno familiarità con le nuove tecnologie e che chiedono il completamento delle procedure con il solo ausilio del proprio telefono cellulare. La nuova realtà tecnologica, caratterizzata da cicli di innovazione sempre più brevi, richiederà alle aziende di avere capacità per rispondere a fenomeni come il veicolo autonomo, la sharing mobility e l’uso intensivo e commerciale dei droni. Come risultato, saranno creati molti prodotti e servizi, come la micro-assicurazione, l’assicurazione contestuale (per rispondere, in tempo reale, a un’esigenza specifica nella vita del cliente) e l’assicurazione “per uso”.

La gestione dei dati attraverso le soluzioni basate su Big Data diventerà un elemento chiave per contribuire all’esperienza e al benessere del cliente: l’azienda sarà in grado di offrire l’assicurazione che meglio risponde alla situazione vitale del cliente, nei luoghi e nei momenti precisi. La cosiddetta “Open Insurance” è la manifestazione più ovvia del cambiamento di tendenza del settore, che si sta muovendo verso un modello di architettura aperta in cui diversi attori (assicuratori, insurtech, partner, ecc.) contribuiscono all’arricchimento dell’ecosistema condiviso di soluzioni e servizi con sviluppi (Api) che consentiranno di rispondere alle esigenze dei clienti come mai prima d’ora.

Tecnologie per migliorare l’efficienza operativa e la soddisfazione del cliente

La tecnologia integrata nei telefoni cellulari sta consentendo il rinnovo di processi come le perizie. Grazie alla soluzione di videosorveglianza HD di Indra, il cliente può inviare, con l’aiuto della sua fotocamera, informazioni sul danno subito dal veicolo o dall’abitazione. L’esperto riceve le informazioni in tempo reale e può persino interagire con il cliente senza spostarsi o scambiare documenti. D’altra parte, la soluzione Computer Vision, sviluppata da Minsait – la business unit di Indra per la trasformazione digitale-  consente all’operatore di stimare i costi di riparazione in pochi minuti. L’intelligenza artificiale della soluzione identifica quali componenti dell’auto sono stati danneggiati, realizza una ricerca su un catalogo in cloud e calcola il costo di sostituzione. Questa tecnologia commercializzata da Indra attraverso Minsait è già disponibile sul mercato e consentirà un drastico risparmio nei tempi della perizia.

Indra dispone di soluzioni consolidate e riconosciute dal settore, come la soluzione iOne Core Insurer, volta al miglioramento operativo della gestione delle polizze, e la soluzione iOne Sales, che consente all’agente commerciale di registrare una polizza stipulata in loco dal cliente con l’unico aiuto del suo tablet e senza aver bisogno di documentazione cartacea. In quest’ultimo caso, la soluzione di Indra ha permesso di ridurre a pochi minuti un processo noioso per il cliente che poteva durare anche alcuni giorni.

Indra scommette sulla “open insurance” per la trasformazione del settore assicurativo ultima modifica: 2018-02-16T12:12:36+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: