Intesa Sanpaolo lancia Paygo, nuovo sistema per effettuare pagamenti tramite il cellulare

Intesa SanpaoloIntesa Sanpaolo lancia l’ultima novità per pagare gli acquisti con il cellulare. Dopo varie sperimentazioni a livello di sistema, Paygo è la soluzione  più facile da usare, senza costi e indipendente dall’operatore telefonico. Il Gruppo, si legge in una nota, l’ha sviluppata “in casa”, con la collaborazione di Setefi e di Intesa Sanpaolo Group Services, scegliendo la tecnologia Hce (cloud-based) ovvero la più avanzata nel settore dei pagamenti mobile, che Intesa Sanpaolo per prima introduce sul mercato italiano.

Per effettuare il pagamento è sufficiente avvicinare lo smartphone a un Pos contactless, dopo aver digitato sul telefono il Pin unico che il cliente ha scelto per i pagamenti in prossimità. In pratica, si paga con il cellulare esattamente come si farebbe con una qualsiasi carta di credito, debito o prepagata contactless. La funzionalità si attiva attraverso l’app La tua banca di Intesa Sanpaolo. Oggi è disponibile per tutti gli smartphone Android predisposti per l’Nfc (Near Field Communication) – circa il 70% del mercato – e nei prossimi mesi sarà estesa agli altri sistemi operativi. Intesa Sanpaolo non applica alcun costo per il servizio. È un sistema di pagamento quindi interessante sia per grandi sia per piccoli importi, che funziona anche in assenza di rete.

Poter pagare con il cellulare la spesa al supermercato, la colazione al bar e servizi come parcheggi e rifornimenti è un passo avanti che non solo semplifica la vita delle persone, ma riduce anche i costi connessi alla circolazione e alla gestione del contante, in Italia quantificabili in circa 4,5 miliardi di euro. Sono 11 milioni gli italiani che potenzialmente fin da oggi possono usare il servizio proposto da Intesa Sanpaolo. I POS contactless pronti a riceverlo rappresentano il 30% degli apparecchi in Italia (negli Stati Uniti sono il 10%). Setefi, la società di monetica del Gruppo Intesa Sanpaolo, gestisce oltre 350.000 apparecchi, di cui 50.000 sono piccoli lettori, i mobile Pos, che si collegano al cellulare e al tablet con una connessione bluetooth e sono la soluzione ideale per i professionisti e per chi non ha un punto vendita fisso.

A inizio 2016 Intesa Sanpaolo proporrà un’ulteriore novità per agevolare il trasferimento virtuale del denaro. JiffyPay, il sistema che già oggi 120.000 clienti della Banca usano per scambiarsi piccole somme con le stesse modalità di un sms, sarà esteso ai piccoli esercenti. Anche in questo caso il Gruppo ha scelto di non tariffare il servizio con l’obiettivo di incentivare i clienti a provarlo e ad acquisirlo tra le loro abitudini.

Per Massimo Tessitore, responsabile della direzione multicanalità integrata di Intesa Sanpaolo: “Nella relazione con il cliente oggi è fondamentale coniugare accoglienza e consulenza con il digitale, per offrire un servizio al passo con i tempi e i nuovi stili di vita. I pagamenti sono una delle azioni quotidiane più frequenti, quindi devono essere semplici, rapidi e sicuri. Abbiamo scelto una soluzione che soddisfa tutti questi aspetti. Il nostro obiettivo, infatti, è  integrare e armonizzare tutte le innovazioni che via via adottiamo in modo che l’esperienza d’uso del cliente sia sempre positiva. Infine c’è il tema della flessibilità: il cliente deve poter fare operazioni, acquisti e ricevere consulenza sia attraverso il telefono sia via internet esattamente come accade in filiale. Addirittura deve poter iniziare un’operazione su un canale e terminarla su un altro”.

Intesa Sanpaolo lancia Paygo, nuovo sistema per effettuare pagamenti tramite il cellulare ultima modifica: 2015-12-18T18:58:14+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: