Isvap: risultati positivi per le assicurazioni italiane che superano gli stress test

Intervenuto all’assemblea dell’Ania, Giancarlo Giannini – presidente dell’Isvap (l’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) – ha evidenziato come gli stress test condotti sulle compagnie assicurative italiane abbiano mostrato risultati positivi.

Infatti l’esercizio di stress – applicato con gli stessi criteri Eiopa (European Insurance and Occupational Pensions Authority, l’autorità che raccoglie le Isvap di tutta Europa) – ha esaminato la solidità di 58 gruppi assicurativi e 71 società rilevando che solo il 10% di società o gruppi assicurativi europei sottoposti a questi test non rispetterebbe i requisiti minimi di capitale secondo le regole di Solvency II. Per il resto, le compagnie hanno capitale in eccesso sufficiente per assorbire l’impatto degli scenari avversi ipotizzati.

“Riguardo ai titoli governativi Ue – ha dichiarato Giannini –, nonostante i parametri di stress siano stati particolarmente penalizzanti per i titoli di stato italiani, l’impatto sui patrimoni aziendali appare comunque sostenibile”.

Giannini ha spiegato anche che “a oggi sono stati analizzati i dati individuali delle imprese rappresentative di una quota di mercato di oltre il 91%: emerge che il capitale in eccesso rispetto al requisito minimo di solvibilità è sufficiente ad assorbire l’impatto in tutti e tre gli scenari ipotizzati”.

Isvap: risultati positivi per le assicurazioni italiane che superano gli stress test ultima modifica: 2011-07-05T15:44:45+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: