Itas Mutua, nel 2013 premi in crescita a quasi 700 milioni e patrimonio netto oltre i 270 milioni

Itas Mutua LogoItas Mutua ha scelto il Mart e l’Auditorium Melotti di Rovereto per incontrare i delegati in occasione dell’annuale assemblea generale della Mutua Capogruppo che si è svolta nei giorni scorsi.

Numeri in crescita, spiega una nota, sia per i rappresentanti dei soci della Mutua (189: 21 in più rispetto al 2013) sia per gli assicurati stessi, che oggi sono oltre 660mila assistiti da più di 450 uffici commerciali. Equilibrata la distribuzione dei premi in portafoglio, grazie ad una rete agenziale qualificata e capillare: oltre il 30% dei premi sono distribuiti in Trentino-Alto Adige, il 25% nel Nord-est, il 24% nel Nord Ovest e oltre il 20% nel Centro-sud.

L’assemblea dei delegati è un momento strategico nella vita della Mutua – ha affermato il presidente Di Benedetto in apertura dei lavori, ringraziando i delegati premiati per la fedeltà di servizio e i nuovi ambasciatori della mutualità di Itas chiamati per la prima volta a votare il bilancio 2013 -. Essere una Mutua oggi può fare la differenza. Lo dicono i risultati e lo confermano i numeri. La cifra della nostra Mutualità sta nella nostra solidità e nella nostra capacità di crescere con equilibrio e nel rispetto di quell’efficienza operativa che perseguiamo da molti esercizi. Oggi possiamo condividere con i delegati i successi e i riconoscimenti importanti e prestigiosi di cui Itas è stata protagonista negli ultimi mesi. È di qualche giorno fa il riconoscimento di Milano Finanza attribuito a Itas per “il miglior presidio del territorio”. È il riconoscimento alla nostra capacità di essere presenti sul territorio in modo puntuale oltre che come storici assicuratori anche come soggetti economici attivi. Sono riconoscimenti che Itas vuole condividere con i delegati e con tutti i soci assicurati. Itas oggi è una azienda che direttamente e indirettamente dà una sicurezza economica ad oltre 2.600 famiglie e versa nelle tasche dello Stato e degli enti locali più di 5.800.000 euro, il 56% in più rispetto allo scorso anno, ai quali si aggiungono i 38.200.000 di imposte versate per assicurazioni auto e non auto. Il valore aggiunto complessivo è di oltre 144.000.000 di euro, in crescita del 3% rispetto al 2012”.

Molta attenzione è stata prestata dai delegati agli approfondimenti dei dati di bilancio della Capogruppo. Particolare soddisfazione è stata espressa per la crescita del 3,4% nella raccolta dei premi contro un dato nettamente negativo del mercato che si attesta al -4,6%. In ulteriore miglioramento rispetto al 2012 anche gli indicatori di conto economico: l’andamento delle spese di gestione e di acquisizione si attesta, per il 2013, al 27,5% contro il 31,3% del 2009.

In assemblea sono stati presentati e approfonditi anche alcuni dati del bilancioconsolidato del Gruppo Itas.

Il bilancio consolidato Itas – ha commentato il direttore generale Ermanno Grassi – registra una raccolta premi di 673 milioni di euro, con un segno percentuale positivo di +13,4% rispetto al 2012; crescono anche i premi lordi di competenza del ramo danni che raggiungono, nel 2013, i 457.000.000 di euro. L’utile consolidato è di quasi 8 milioni di euro, con un carico di imposta di oltre 5.800.000 euro. Tutto questo è frutto del continuo processo di efficientamento dell’organizzazione interna e di una politica di crescita equilibrata del portafoglio. Vitale è la propensione della compagnia ad investire in termini di innovazione, punto di forza del piano operativo varato per il 2014: tra i 150 progetti in programma, infatti, quasi 70 sono specificamente innovativi e puntano a garantire servizi esclusivi ai nostri soci e assicurati. Altro punto di forza di Itas Mutuaè la gestione finanziaria che mostra un saldo positivo di +24 milioni di euro(erano 19mln nel 2012)”.

Due le novità importanti per il mercato presentate in assemblea generale:

  • la nuova polizza “critical illness
  • Itas community

Itas è una Compagnia che guarda al domani consapevole del ruolo che una assicuratrice moderna deve assumersi. Avere la responsabilità di sensibilizzare le persone a compiere scelte di tutela che non si affidino completamente all’intervento pubblico significa per Itas anticiparne i bisogni con soluzioni moderne e adeguate. Per questo motivo è nata una polizza unica nel suo genere, innovativa nel mercato italiano, che garantisce la tutela della persona, della famiglia e del patrimonio quando la malattia costringa a interrompere l’attività professionale. Itas l’ha chiamata “Con te”. All’estero e tra gli addetti ai lavori è già molto diffusa e nota come polizza “critical illness”. È, in estrema sintesi, la risposta Itas ai bisogni di copertura delle spese mediche e delle spese di assistenza che in ogni contesto economico possono segnare pesantemente il destino di una persona e della sua famiglia.

La sostenibilità è il nostro modo di essere mutua:al via il progettoItas community.

Presidenza e direzione generale lo avevano anticipato nei mesi scorsi: è Itas community, un progetto di sostenibilità strategica che evolve il rapporto con i soci e con le comunità dove la compagnia opera.

Spiegano Di Benedetto e Grassi: “Itas vuole identificare i benefici tangibili della mutualità e trasferirli ai soci. Una volontà che si spinge oltre l’impegno a investire nella formazione di agenti e dipendenti, per garantire ai Soci assistenza assicurativa e previdenziale di primordine, oltre anche a sponsorizzare iniziative sociali e culturali, oltre a contribuire al benessere della comunità. Per questo Itas community, pensata soprattutto per il socio, è declinata poi per gli assicurati e per la comunità. Il socio accede a una piattaforma con servizi e prodotti dedicati esclusivamente al suo essere parte integrante della Mutua. Il primo passo di questo progetto è stato il varo del nuovo portale Itas. La creazione di un’area riservata richiesta dall’Autorità di settore ha aperto nuove opportunità di relazione. www.gruppoitas.it è un portale innovativo che con un linguaggio semplice e diretto garantisce efficacia e trasparenza di risposta”.

 

Itas Mutua, nel 2013 premi in crescita a quasi 700 milioni e patrimonio netto oltre i 270 milioni ultima modifica: 2014-04-28T10:55:13+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: