Itassicura, il 16 e il 17 novembre a Milano

Itassicura, la mostra convegno dedicata al comparto assicurativo che si svolgerà a Fiera Milano il 16 e 17 novembre in concomitanza di Sicurezza, la fiera leader del settore, sfruttandone le sinergie, vedrà la presenza dei maggiori player del settore.

Oltre 60 i relatori che interverranno durante i due convegni e i sei workshop che si svolgeranno presso il Centro Congressi Stella Polare di Fiera Milano  e che nei due giorni di evento approfondiranno tematiche relative all’impatto e all’evoluzione delle assicurazioni nei settori ambientale, finanziario, tecnologico, istituzionale, sociale, immobiliare, patrimoniale, legale e culturale.

Tra i protagonisti di Itassicura non mancheranno le grandi compagnie assicurative: Axa, Axa Art, Cattolica Assicurazioni, Generali Italia, Groupama, Mediolanum, UnipolSai, Zurich insieme alle più importanti e rappresentative Associazioni di categoria.

Assicuratori, periti, assuntori, broker, intermediari insieme a rappresentanti del mondo accademico, finanziario, bancario e assicurativo, imprese e cariche istituzionali si incontreranno e si confronteranno per fare il punto sul ruolo di prim’ordine che le assicurazioni rivestono a livello sociale ed economico.

Nel 2017 i premi contabilizzati totali (danni e vita) del portafoglio italiano si attestano a poco più di 130 miliardi. L’industria assicurativa italiana rappresenta quasi il 9% del Pil, dando impiego a oltre 300 mila persone. L’Italia è al quarto posto in Europa e all’ottavo posto nel mondo per raccolta premi, con una quota di mercato pari al 3,4%. Inoltre gli investimenti dell’industria assicurativa sono stati pari a 741 miliardi e rappresentano oltre il 90% del totale attivo (fonte Ania).

Un appuntamento, quindi, da non perdere per chi vuole restare aggiornato e incontrare i player di un settore così importante e vitale per l’economia italiana, ma non solo.

Itassicura, il 16 e il 17 novembre a Milano ultima modifica: 2017-10-12T13:31:02+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: