Ivass, commercializzazione di polizze fideiussorie false e di polizze r.c. auto contraffatte intestate alla società T.U.I.R. Warta S.A.

Ivass LogoL’Ivass ha reso noto che sono stati segnalati casi di commercializzazione di polizze fideiussorie false e di polizze r.c. auto contraffatte intestate alla società T.U.I.R. Warta S.A., impresa assicurativa con sede legale in Polonia che, pur essendo abilitata ad operare in Italia in regime di libera prestazione di servizi anche nel ramo 15 – Cauzione, in data 27 gennaio 2016 ha comunicato di non operare in Italia nel settore cauzioni e di essere venuta a conoscenza di polizze fideiussorie false.

Ad oggi, pertanto, l’eventuale stipulazione di polizze fideiussorie recanti l’intestazione T.U.I.R. Warta S.A. comporta per i contraenti l’insussistenza della copertura assicurativa e per gli intermediari lo svolgimento di un’attività non consentita dalle vigenti disposizioni normative.

Più in generale, si legge in una nota, l’Ivass raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione dei contratti, che  gli  stessi  siano  emessi  da  imprese  regolarmente autorizzate  allo  svolgimento  dell’attività assicurativa e che gli intermediari che propongono la sottoscrizione dei contratti siano iscritti nel  registro  unico  degli  intermediari  assicurativi o  nell’elenco  degli  intermediari  dell’Unione Europea, tramite la consultazione sul sito www.ivass.it

  • degli elenchi  delle  imprese  italiane  ed  estere  ammesse  ad  operare  in  Italia  (elenchi  generali ed elenco specifico per la r. c. auto);
  • dell’elenco degli avvisi relativi a “Casi di contraffazione o società non autorizzate”;
  • del registro  unico  degli  intermediari  assicurativi e  dell’elenco  degli  intermediari dell’Unione Europea.
Ivass, commercializzazione di polizze fideiussorie false e di polizze r.c. auto contraffatte intestate alla società T.U.I.R. Warta S.A. ultima modifica: 2016-02-02T17:29:59+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: