Ivass: indice solvibilità di imprese e gruppi assicurativi al 257% a giugno 2021

Ivass LogoL’indice di solvibilità (Solvency capital requirement ratio) delle imprese e dei gruppi assicurativi nazionali a giugno si è attestato in media al 257%, in aumento rispetto al 211% di giugno 2020. Lo ha reso noto l’Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni), che ha diffuso oggi il Bollettino Statistico sul Reporting Solvency II. Il report segnala come la quasi totalità dei fondi a copertura dell’SCR sia rappresentata da fondi di migliore qualità (Tier 1 e Tier 2) con un peso del Tier 3 pari in media allo 0,2%, nettamente inferiore al 15% ammesso dalla normativa;

Parallelamente si riduce al 51,8%, rispetto al 52,9% del giugno 2020, l’incidenza degli impieghi in titoli di stato sugli investimenti complessivi e varia di poco l’incidenza delle obbligazioni societarie e quote di Oicvm.

Il Bollettino Statistico sul Reporting Solvency II dell’Ivass evidenzia infine il fatto che le riserve tecniche sono riferite per il 94% ai rami vita e per il restante 6% ai rami danni. “Le riserve relative alle polizze index e unit linked (ramo III) crescono del +21,9% mentre quelle with profit (ramo I) del +2,4%. Nei rami danni, crescono le riserve della r.c. generale (+9,9%) e incendio (+8%) mentre si riducono quelle per la r.c. auto (0,4%) e protezione del reddito (-3%)”, conclude l’analisi.