Ivass, nel 2018 le imprese di proprietà italiana hanno raccolto all’estero 46,1 miliardi di premi

16

Ivass LogoNel 2018 le imprese di proprietà italiana hanno raccolto all’estero 46,1 miliardi di euro di premi (pari a un terzo della loro raccolta totale in Italia e all’estero), di cui 30,5 miliardi nei rami vita e 15,6 miliardi nei rami danni. Non vi sono state variazioni sostanziali rispetto al 2017. Queste le principali evidenze che emergono dall’ultimo Bollettino dell’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass) sulla raccolta all’estero delle imprese italiane e raccolta in Italia delle imprese dello Spazio economico europeo.

Secondo il bollettino è stata di 5,9 miliardi, in diminuzione del 35%, la raccolta in Italia delle controllate estere di proprietà italiana, effettuata quasi esclusivamente nei rami vita.

Le imprese di proprietà estera hanno raccolto in Italia 68,9 miliardi di euro (+12,2% rispetto al 2017), pari al 43% dei premi complessivamente raccolti sul territorio nazionale (160,7 miliardi). Nel dettaglio, 48,7 miliardi sono riferiti all’attività di imprese estere con sede legale in Italia e vigilate dall’Ivass, 9,9 miliardi a rappresentanze SEE vigilate da autorità estere e 10,3 miliardi all’attività in libera prestazione di servizi dall’estero.

Premi raccolti in riassicurazione (cosiddetto lavoro indiretto):

Le imprese di proprietà italiana raccolgono 6,3 miliardi di euro per premi di riassicurazione all’estero, senza variazioni rispetto al 2017. Si è interrotta la flessione della raccolta indiretta nei rami vita.