Ivass, nel I trimestre raccolta premi nei rami vita e danni in crescita dello 0,8%

19

Ivass Logo 4Nel primo trimestre dell’anno, la raccolta premi nei rami vita e danni è stata di 37,7 miliardi di euro, in lieve crescita (0,8%) rispetto al 2018. Lo sottolinea l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass) nel suo ultimo bollettino statistico.

La raccolta del settore vita, con 28,1 miliardi di euro, è in flessione dello 0,3%. In particolare, le polizze vita c.d. “pure” (rami I e IV) sono in aumento, grazie alla crescita di 2,6 miliardi di euro (pari al 14,8%), del ramo I; mentre quelle “miste-finanziarie” (rami III, V e VI) sono in calo; soffrono soprattutto le polizze unit e index linked (ramo III) con una flessione del 27,1%.

La nuova produzione vita aumenta, secondo i dati Ivass, di 325 milioni di euro (1,7%).

Quanto alle assicurazioni con finalità previdenziali, i Fondi Pensione (ramo V) diminuiscono di circa 38 milioni (6,7%); mentre i Piani Individuali Pensionistici di tipo assicurativo (PIP) di ramo I e III crescono rispettivamente del 2,6% e del 4,1%.

Il settore danni (9,6 miliardi di euro) si incrementa (4,0%) di 365 milioni di euro rispetto al 2018, confermando un recupero già registrato nel 2017 e 2018. Crescono del 6% le coperture “non auto” (5,3 miliardi di euro) e in particolare quelle per Infortuni e Malattia, Incendio ed elementi naturali ed Altri danni ai beni. Diminuisce la raccolta dell’R.C. generale.

Gli sportelli bancari e postali raccolgono il 60,9% dei premi del settore vita; la distribuzione nel settore danni, avviene prevalentemente tramite le Agenzie con mandato (68,1% del totale dei rami).