Ivass, stabilito il contributo di vigilanza per l’anno 2016 per gli intermediari iscritti nel Rui

Ivass LogoCon decreto del 3 agosto 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 188 del 12 agosto 2016, il ministro dell’Economia e delle Finanze, sentito l’Ivass, ha stabilito la misura del contributo di vigilanza dovuto per l’anno 2016 dagli intermediari assicurativi e riassicurativi iscritti nelle sezioni A, B, C e D del Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi.

Come spiega una nota, tenuto conto che è in fase di attribuzione il servizio di riscossione volontaria del contributo di vigilanza per il triennio 2016-2018, il pagamento relativo all’annualità corrente è sospeso fino all’emanazione del provvedimento Ivass che ne fissa le modalità e i termini di riscossione.

Ogni informazione al riguardo sarà pubblicata sul sito internet dell’istituto e reso disponibile nell’area dedicata agli operatori.

Attraverso il sito della Popolare di Sondrio (https://servizi.popso.it/ivass) è possibile continuare a pagare esclusivamente i contributi arretrati relativi alle annualità 2007-2015.

Ivass, stabilito il contributo di vigilanza per l’anno 2016 per gli intermediari iscritti nel Rui ultima modifica: 2016-08-17T20:22:21+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: