Iw Bank: approvata la relazione finanziaria al 30 giugno 2012

Il consiglio di amministrazione di Iw Bank, riunitosi sotto la presidenza di Mario Cera, ha esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2012. Il risultato netto di Iw Bank, si legge in un comunicato, è pari a 9,5 milioni di euro, in forte crescita rispetto al primo semestre 2011 grazie all’incremento del margine di interesse e alla contrazione dei costi operativi. Nel primo semestre 2012 Iw Bank si afferma come il primo broker online retail in Italia su Mta, DomesticMot e opzioni su indice e nelle prime posizioni su tutti gli altri comparti di operatività. Nel comparto banking, significativa crescita della raccolta e dei clienti grazie a una strategia multicanale integrata e agli sviluppi su mobile banking e digital communication. Al 30 giugno 2012 i rapporti di conto perfezionati ed operativi della clientela sono pari a 116,3 mila (112,1 mila a fine 2011) con l’acquisizione di 9,3mila nuovi rapporti al lordo delle estinzioni, queste ultime in parte ascrivibili all’attività di chiusura dei conti non operativi.

Il numero giornaliero medio di ordini di negoziazione eseguiti dalla clientela IW Bank, pari a 34.830, ha segnato un incremento dell’1,2% rispetto alla media di 34.401 ordini giornalieri registrati al 30 giugno 2011 I risultati economici Nel primo semestre 2012 il margine di intermediazione è pari a 41,3 milioni di euro, con un incremento del 29% rispetto ai 32,1 milioni di euro al 30 giugno 2011. In particolare, si evidenzia:
• margine di interesse in crescita del 90% a 26,6 milioni di euro da 14,1 milioni di euro del primo semestre 2011 principalmente grazie all’aumento del rendimento del portafoglio titoli;
• commissioni nette pari a circa 14,6 milioni di euro al 30 giugno 2012 (15,7 milioni nel 2011), in flessione a causa della riduzione della commissione media per eseguito sul comparto trading, mentre il numero di eseguiti risulta in aumento.

Le rettifiche di valore sui crediti, pari a 0,5 milioni di euro risultano sostanzialmente invariate rispetto al primo semestre 2011. Per effetto degli andamenti descritti, al 30 giugno 2012 il risultato netto della gestione finanziaria si attesta a 40,8 milioni di euro, in aumento del 30% rispetto al dato di fine giugno 2011 (31,3 milioni di euro).

I costi operativi al 30 giugno 2012, pari a 25,3 milioni di euro, risultano in diminuzione del 18% rispetto al primo semestre 2011 (30,9 milioni di euro). In dettaglio si evidenzia che:
• le Spese per il personale si attestano a 8,6 milioni di euro, in riduzione del 12% rispetto ai 9,8 milioni del primo semestre 2011;
• le Altre spese amministrative risultano pari a 15,5 milioni di euro, in contrazione del 17% rispetto ai 18,7 milioni del primo semestre 2011;
• le Rettifiche nette di attività materiali e immateriali si attestano a 2,6 milioni di euro, in calo del 20% rispetto ai 3,3 milioni del primo semestre 2011;

L’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte si è conseguentemente attestato a 15,6 milioni di euro (era 0,4 milioni al 30 giugno 2011). Le imposte sul reddito del periodo sono pari a 6,1 milioni di euro (1,3 milioni di euro al 30 giugno 2011). Il risultato netto si attesta quindi a circa a € 9,5 milioni di euro, in forte crescita rispetto al risultato leggermente negativo (-€ 0,9 ml) del primo semestre 2011. 3 Componenti patrimoniali I crediti verso la clientela sono pari a 268,4 milioni di euro in leggero aumento rispetto ai 263,9 milioni di euro al 31 dicembre 2011 Al 30 giugno 2011, la Raccolta diretta da clientela ammonta a 2.323 milioni di euro, in crescita del 21,6% rispetto ai 1.911 milioni di euro del 31 dicembre 2011. La Raccolta indiretta da clientela, attestatasi a 3.803 milioni di euro rispetto ai 3.202 milioni di euro del 31 dicembre 2011, segna un forte incremento del 18,8% ed è composta da: ? raccolta indiretta in titoli per 3.296 milioni di euro, in aumento del 20,3% rispetto ai 2.740 milioni al 31 dicembre 2011; ? raccolta indiretta in fondi per 508 milioni di euro, in aumento del 9,9% rispetto ai 462 milioni al 31 dicembre 2011. Il Tier 1 capital ratio e il Total capital ratio si attestano al 18,18%. Nel corso del 2012 si è perfezionata la fusione per incorporazione di Investnet International S.p.A. in IWBank S.p.A. L’atto di fusione è stato stipulato in data 17 luglio 2012, con efficacia dal 1° agosto 2012; gli effetti contabili e fiscali decorrono dal 1° gennaio 2012.

Leggi il comunicato

Iw Bank: approvata la relazione finanziaria al 30 giugno 2012 ultima modifica: 2012-09-07T10:13:18+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: