Kìron, mutui: il mercato resta ben strutturato. Operazioni di acquisto calano meno delle compravendite

Tra ottobre e dicembre 2020 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 11.761 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del 2019 si registra una crescita delle erogazioni pari al 10,8%, per un controvalore di 1.145,5 milioni di euro. È quanto emerge dai dati riportati nel report Banche e istituzioni finanziarie – III trimestre 2020 pubblicato da Banca d’Italia a fine dicembre e analizzato dall’ufficio studi del gruppo Tecnocasa.

Dall’analisi dei dati relativi alle erogazioni di mutui in Italia emerge una crescita dello 0,9% delle operazioni di mutuo a supporto di un acquisto immobiliare, nonché un aumento del 120% delle operazioni di surroga e sostituzione.

Alla luce di questi nuovi elementi possiamo affermare che nel corso dell’anno il mercato della surroga ha sostenuto il comparto dei mutui alla famiglia – afferma Renato Landoni, presidente Kìron Partner, società di mediazione creditizia del gruppo Tecnocasa -. Anche il saldo andamentale da inizio 2020 porta un valore positivo +10% con una variazione positiva di 3,4 mld rispetto al 2019. Questi dati ci restituiscono la consapevolezza che, da un lato, il mercato ha beneficiato dell’onda lunga dei tassi ai minimi, che giustificano la crescita importante delle operazioni di surroga e sostituzione, e dall’altra, la sostanziale tenuta delle operazioni di acquisto, che calano in maniera più contenuta rispetto alle compravendite immobiliari (-13,9%)”.

Per questo gli esperti di Tecnocasa e Kìron ritengono che il mercato dei mutui alla famiglia, nonostante le difficoltà di questo periodo, resti ben strutturato. “Negli scorsi anni, per mezzo del quantitative easing, la Bce ha contribuito a tenere bassi i tassi di interesse agevolando di fatto l’accesso al credito delle famiglie a tassi molto competitivi. Ad oggi, visti i prezzi degli immobili ancora convenienti, l’abbassamento dei tempi di compravendita ed i tassi dei mutui ancora ai minimi storici, permangono interessanti opportunità sul mercato immobiliare sia per chi vuole comprare a scopi abitativi sia per chi vuole acquistare a titolo di investimento”, conclude Landoni.