La Bce riduce il tasso sui depositi e allunga il quantitative easing fino al marzo 2017

BceNella riunione odierna il consiglio direttivo della Banca centrale europea ha deciso che il tasso di interesse sui depositi presso la banca centrale è ridotto di 10 punti base, al -0,30%, con effetto dal 9 dicembre 2015. I tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali e sulle operazioni di rifinanziamento marginale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,05% e allo 0,30%. L’obiettivo della decisione è incentivare gli istituti di credito a fornire più prestiti a imprese e famiglie facendo circolare più rapidamente la liquidità che depositano giornalmente.

In aggiunta a ciò il governatore Mario Draghi ha annunciato un ampliamento del quantitative easing fino al marzo 2017 “o anche oltre se necessario”. Non si +è invece avuto un aumento del ritmo mensile di acquisti, attualmente fissato a 60 miliardi, come alcuni analisti si aspettavano.

 

 

La Bce riduce il tasso sui depositi e allunga il quantitative easing fino al marzo 2017 ultima modifica: 2015-12-03T17:44:11+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: