La crisi colpisce ancora. E secondo l’Osservatorio Prodeitalia a pagare il conto sono spesso persone oneste e accorte con una vita di lavoro alle spalle

Credito 2Una vita di lavoro e sacrifici alle spalle e una voragine di debiti davanti. È la difficile situazione in cui si ritrova nel nostro Paese un numero crescente di persone, costrette a fare i conti, impossibili da far quadrare, con banche, fisco e altri soggetti a causa di un evento imprevisto, come una malattia, una separazione, un incidente, la perdita del lavoro o le spese del matrimonio di un figlio.

L’Osservatorio Prodeitalia, creato all’interno dell’omonimo progetto da una squadra di professionisti (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro), che si sono uniti in tutta Italia per dare vita all’Associazione Csi-Kronos, ha provato a tracciare l’identikit reale delle persone colpite dalla crisi, andando oltre l’astrazione dei numeri e delle statistiche.

Lo studio descrive le persone che si rivolgono ai professionisti presenti nelle varie Regioni d’Italia o sul sito internet www.prodeitalia.it, fornendo un quadro concreto di come la crisi continui a colpire singoli e famiglie, nonostante i rassicuranti messaggi che arrivano dal governo e da molte istituzioni sulla ripresa dell’economia e dell’occupazione.

Dai dati emerge che il 15% tra artigiani, lavoratori dipendenti e commercianti si rivolge a strutture come Prodeitalia e che solo il 5% delle imprese dichiara la crisi d’impresa prima del fallimento per poter entrare nella procedura di esdebitazione.

“Gli italiani non si ritrovano affatto nei dati tranquillizzanti dei sondaggi divulgati dalle istituzioni – sottolinea l’avvocato Francesca Scoppetta, ideatrice del Progetto Prodeitalia, insieme all’avvocato José Giovambattista Carretta -. Da quando abbiamo dato il via al progetto si sono rivolte a noi centinaia di persone. La loro condizione è in alcuni casi drammatica. Per un evento improvviso, che può in effetti verificarsi nella vita di chiunque, si sono ritrovati a veder lievitare i loro debiti senza più riuscire a farvi fronte. Un circolo vizioso da cui non sanno come tirarsi fuori”.

Uno dei dati contenuti nell’Osservatorio Prodeitalia che desta maggiore preoccupazione è quello dell’età. “A ritrovarsi strozzati dai debiti – spiega lo studio – non sono ragazzini, magari poco capaci di gestire i propri soldi, o persone che sono solite fare un uso non ponderato del denaro. A pagare il prezzo più alto della crisi in questo momento sono le persone adulte, responsabili, quelle che comunemente vengono definite ‘persone per bene’, o nel linguaggio giuridico ‘buoni padri di famiglia’. Quelle persone in particolare che dopo tanto lavoro e sacrifici, a un passo dalla pensione, invece di vivere questa fase della vita con serenità sono costrette, loro malgrado, a ricominciare tutto da capo. Capofamiglia costretti a fronteggiare da una parte la condizione del sovraindebitamento e dall’altra quella di guida nonché punto di riferimento per figli e nipoti. Una morsa troppo stretta a cui non tutti reggono”.

Secondo i dati più recenti della Banca d’Italia, attualmente il 5,7 % delle famiglie italiane risulta sovraindebitato. Nel 70% dei casi la principale causa del sovraindebitamento deriva dalla conclusione di un contratto di credito al consumo o di un mutuo. In questo contesto Prodeitalia è una delle associazioni che assiste e aiuta aziende e cittadini che, da soli, non riuscirebbero a onorare i propri debiti, utilizzando la procedura di esdebitazione, introdotta dalla legge n.3 del 2012 per regolare il sovraindebitamento.

“I professionisti che hanno aderito al nostro progetto – spiegano dall’associazione – offrono le proprie competenze al servizio di chi decide di farsi aiutare, fornendo una consulenza gratuita sugli strumenti che la legge mette a disposizione, trovando lo strumento giuridico utile a risolvere il problema e riducendo i debiti fino all’80%”.

“Assistiamo sia le aziende che i cittadini che almeno in una prima fase hanno bisogno di essere guidati – precisano l’avvocato Elena Zamuner coordinatrice nazionale del progetto Prodeitalia e l’avvocato Lario Paccosi responsabile della regione Toscana, nonché membri del comitato giuridico -. I nostri professionisti offrono le proprie competenze fornendo una prima consulenza gratuita sulle possibilità che la legge mette a disposizione, trovando lo strumento giuridico utile a risolvere il problema e riducendo i debiti in maniera che chi é stato in difficoltà possa continuare poi a camminare da solo”.

La crisi colpisce ancora. E secondo l’Osservatorio Prodeitalia a pagare il conto sono spesso persone oneste e accorte con una vita di lavoro alle spalle ultima modifica: 2016-03-15T13:14:09+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: