La politica aziendale della Capitalfin S.p.A.

Capitalfin LogoLa politica aziendale della Capitalfin da sempre è improntata al rispetto delle norme vigenti in materia creditizia con conseguente salvaguardia e soddisfazione della clientela. Difatti è prassi operativa dell’azienda procedere con periodiche visite ispettive in loco della rete vendita, concretizzando la realizzazione delle best practices indicate dal manangment. Tali visite vengono effettuate solitamente da incaricati indicati e selezionati dalla società, previo avviso, direttamente presso i punti operativi di ciascun agente o mediatore.

Gli incontri in questione hanno ad oggetto:

– in ossequio agli obblighi di trasparenza, la verifica dell’effettiva e adeguata esposizione e messa a disposizione dei clienti, all’interno dei propri uffici, di tutta la modulistica necessaria (es. informative privacy dell’intermediario e dei singoli partner bancari, guida all’Abf, guida credito ai consumatori…).

– in ossequio alla normativa antiriciclaggio, si verifica se il produttore sia in grado di eseguire una corretta identificazione della nuova clientela, se proceda alla registrazione delle operazioni e sia

in grado di procedere alla segnalazione di eventuali operazioni sospette.

– verifica della corretta istruzione delle pratiche vale a dire verifica della corretta compilazione di tutta la modulistica precontrattuale e contrattuale vigente da far sottoscrivere al cliente e da consegnare a quest’ultimo su accettazione dell’operazione proposta.

– verifica dei locali dove viene svolta l’attività lavorativa.

La garanzia e l’importanza di un simile monitoraggio va ricercata non solo nella necessità di rispettare le procedure ma soprattutto di rimanere in linea con gli standard qualitativi richiesti dall’Oam. Gli accertamenti ispettivi e/o audizioni personali presso gli iscritti da parte dell’Oam, in collaborazione con Fondazione Enasarco al fine di accertare in capo agli iscritti la permanenza nel tempo dei requisiti richiesti dall’ordinamento di settore per l’esercizio dell’attività di intermediari del credito (attività di controllo cosiddetta” formale”); accertare eventuali condotte poste in essere dagli iscritti in violazione delle norme legislative o amministrative che regolano la loro attività (attività di controllo cosiddetta “sostanziale”).

Per tali ovvi motivi, attraverso un preventivo sopralluogo sarà possibile rivelare eventuali criticità, approfondire i motivi di eventuali carenze e irregolarità al fine di individuare i correttivi più opportuni per porre rimedio alle possibili anomalie, garantendo in questo modo il reciproco rispetto delle leggi e delle disposizioni in materia e soprattutto prevenendo e contrastando violazioni di norme che potrebbero portare a provvedimenti sanzionatori in sede di verifica.

La politica aziendale della Capitalfin S.p.A. ultima modifica: 2014-11-14T14:58:49+00:00 da Pubbliredazionale

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: