Landoni, Kìron: “Eccessivo aumento dello spread potrebbe causare aumento del prezzo dei mutui e ridurne la domanda”

Kìron Logo“Il mercato dei mutui alle famiglie è oggi ben strutturato e ha trovato la sua dimensione in area 48-50 miliardi annui. Nel corso degli scorsi anni, per mezzo del quantitative easing, la Bce ha contribuito a tenere bassi i tassi di interesse agevolando di fatto l’accesso al credito delle famiglie a tassi molto competitivi. La Bce ha iniziato a immettere liquidità sui mercati nel 2015 per 80 miliardi, poi ridotti a 15 a partire da settembre 2018. A dicembre chiuderà il programma di nuove immissioni. Continuerà a calmierare i prezzi del denaro grazie al reinvestimento dei titoli già acquistati e ciò dovrebbe comunque garantire una buona iniezione di liquidità ai mercati e quindi indici di riferimento ancora ai minimi almeno per tutto il 2019″. Così Renato Landoni, presidente Kìron Partner.

“In questi mesi abbiamo assistito a un rialzo sui mercati dello spread (differenza di rendimento tra btp Italiani a 10 anni e bund tedeschi) – ha aggiunto Landoni -. Un’eccessiva crescita di questo indicatore potrebbe di fatto causare un rialzo dei prezzi dei nuovi finanziamenti e di conseguenza una riduzione della domanda e dell’accesso al credito da parte delle famiglie. Molto dipenderà dunque dalle politiche economiche che il nostro Paese attuerà nel prossimo futuro soprattutto per quanto riguarda il sostegno al lavoro e alla famiglia. Ad oggi, visti i prezzi degli immobili ancora convenienti e i tassi dei mutui molto bassi, permangono interessanti opportunità sul mercato immobiliare sia per chi vuole comprare a scopi abitativi sia per chi vuole comprare a titolo di investimento”.

Landoni, Kìron: “Eccessivo aumento dello spread potrebbe causare aumento del prezzo dei mutui e ridurne la domanda” ultima modifica: 2018-10-08T15:30:13+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: