Leasing, Assilea: nei primi 5 mesi dell’anno operazioni in crescita del 10,4%. Valore in aumento dell’8,2

Assilea LogoI primi 5 mesi dell’anno hanno visto proseguire la crescita del leasing, con oltre 76.000 contratti sottoscritti relativi ai beni strumentali, per un valore vicino ai 3 miliardi di euro. Rispetto allo stesso periodo del 2016, l’incremento è stato pari al 10,4% in numero di operazioni e all’8,2% in valore. Solo nel mese di maggio gli investimenti in leasing strumentale sono cresciuti dell’11% in numero operazioni e del 12 % in valore. Questi i dati presentati da Corrado Piazzalunga, presidente dell’Assilea, nell’ambito della tavola rotonda “Industria 4.0 e leasing”.

Come sottolineato dal numero uno dell’Associazione italiana leasing, la Nuova Sabatini vede il leasing quotare oltre il 61% del totale dei finanziamenti.

Gli investimenti nel leasing strumentale, rilevati da Assilea a maggio scorso, si sono concentrati per oltre il 55% nelle regioni Lombardia, Veneto ed Emilia. La crescita maggiore si è registrata, nell’ordine, nel Lazio, Lombardia, Toscana e Puglia.

Gli investimenti industria 4.0 pesano per più del 30%, per un controvalore di oltre 900 milioni di euro di finanziamenti in leasing. L’effetto 4.0 è riscontrabile sia nei beni, sia nei settori di clientela maggiormente finanziati nei primi cinque mesi del 2017. Ai primi posti per valore si classificano le macchine utensili per asportazione (15%), poi macchinari non targati per l’edilizia (11%), macchinari agricoli (11%) e macchine utensili per deformazione (10%). Al quinto posto sono rilevati i leasing di beni ad alta tecnologia nel campo dell’elaborazione e trasmissione dati, comparto primo in termini di numero di contratti stipulati con oltre un contratto di leasing su quattro.

Altrettanto importanti sono i numeri degli investimenti Tecno-Sabatini rilevati (prenotati) a giugno 2017, illustrati dal segretario generale del ministero dello Sviluppo Economico, Andrea Napoletano, che ammontano a 634 milioni di euro; di questi, circa 354 milioni sono riconducibili a investimenti leasing con un peso di oltre il 55%. “A titolo esemplificativo – ha spiegato Napoletano – ad aprile 2017 i contributi Nuova Sabatini hanno segnato un +100% rispetto alla media mensile dell’anno precedente”.

Buone notizie anche dall’Agenzia delle Entrate, con la precisazione ribadita dal direttore normativa, Annibale Dodero, che anche le società di locazione/noleggio operativo possono godere dell’iperammortamento sui beni I.4.0.

A conclusione della tavola rotonda, Piazzalunga, che ha concluso il suo mandato lasciando il testimone a Enrico Duranti (direttore generale di Iccrea BancaImpresa), ha presentato il rapporto sul leasing 2016. Confermata la crescita per il terzo anno consecutivo, mentre in Europa il leasing è tornato ai livelli pre-crisi.

Lo scorso anno, si è registrata una dinamica a due cifre del leasing Auto, con il +49% toccato dai veicoli industriali e il 26,7% dei veicoli commerciali, cresce il leasing strumentale, con il picco del 27,6% raggiunto nel segmento fra 0,5 e 2,5 milioni di euro. In ripresa il leasing immobiliare, stabile nei volumi e in crescita nel numero.

Articoli che potrebbero interessarti:

Leasing, Assilea: nei primi 5 mesi dell’anno operazioni in crescita del 10,4%. Valore in aumento dell’8,2 ultima modifica: 2017-06-14T13:07:28+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA