L’FSA fissa le regole di operatività per i mortgage brokers sull’esempio degli Independent Financial Advisor (IFA)

Le società dei mortgage brokers saranno divise fra “restricted e indipendenti”, rispecchiando quello che succede oggi nella classificazione delle reti di promozione finanziaria. Le società che vogliono essere indipendenti devono avere una gamma prodotti completa, ovvero un consistente panel di banche da poter offrire ai clienti, quelle invece che si qualificheranno come “restricted” possono avere solo una banca nel loro portafoglio prodotti.

Tutte le reti dei mortgage brokers dovranno mantenere uno storico della loro attività, facendo compilare a ogni loro mortgage broker un modulo che indica la tipologia di consulenza fornita al cliente e darne una copia al cliente stesso. Ogni mortgage broker, inoltre, deve dare a ogni cliente o potenziale tale un foglio informativo con le indicazioni chiave riguardanti il servizio offerto e la sua remunerazione. Ogni mortgage broker coinvolto nella consulenza al cliente deve essere qualificato come QCF (Qualifications and Credit Framework) terzo livello, che è un nuovo sistema di qualificazione dei consulenti messo a punto dal Governo lo scorso anno.

Le commissioni del broker e della banca continuano a essere insieme, ma non possono essere fatte pagare al cliente senza il suo consenso.

Il paper pubblicato il 16 novembre scorso include anche altre regole di operatività per le reti di mortgage brokers.

Leggi il FSA’s Consultation paper CP10/28

L’FSA fissa le regole di operatività per i mortgage brokers sull’esempio degli Independent Financial Advisor (IFA) ultima modifica: 2010-11-22T08:44:33+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: