L’identikit di chi chiede un prestito

Il quadro che è emerso offre uno spunto di riflessione interessante sulle nuove tenenze che vanno emergendo nel ricorso al credito.

L’identificazione del profilo tipico di chi richiede un prestito personale – ha spiegato Marco Giorgi di Prestiti.it – aiuta a definire un fenomeno che non è più di nicchia. Se prima le richieste di un prestito riguardavano soprattutto l’acquisto di beni durevoli, come l’auto o i mobili per la casa, ora il credito al consumo è uno strumento utile per affrontare quella contrazione del potere d’acquisto che, secondo Federconsumatori, è pari al 2,8% rispetto allo scorso anno”.

I dati raccolti mostrano innanzitutto che nel 72% dei casi il richiedente è un uomo, che l’età media di chi domanda un finanziamento è di 41 anni e che l’importo richiesto si aggira sugli 11.500 euro, vale a dire 6.000 euro in meno rispetto a 12 mesi fa, quando un prestito medio ammontava a 17.500 euro.

Passando ad analizzare le motivazioni alla base di un finanziamento, si scopre che nel 33% dei casi il richiedente ha bisogno di liquidità, nel 17,2% vuole comprare un’auto usata e nel 12,2% ha la necessità di ristrutturare la casa in cui abita.

Un anno fa il quadro era abbastanza differente, considerato che solo un italiano su cinque (il 21,6% per l’esattezza) chiedeva un prestito per liquidità e che il numero di coloro che desideravano comprare una vettura appena uscita dal concessionario era doppio rispetto a quello attuale (il 14,3%, contro il 7,8% registrato oggi). Segni evidenti della crisi che incalza.

Una tale evoluzione della domanda di prestiti personali  – ha sottolineato a riguardo Giorgi è sintomatica di un rapido mutamento delle esigenze degli Italiani, che hanno trovato nel credito al consumo uno strumento per affrontare con più serenità la crisi in attesa di tempi migliori”.

L’identikit di chi chiede un prestito ultima modifica: 2012-03-22T09:14:22+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: