Lorenzo Montanari, direttore e ad Avvera: “Abbiamo due reti di agenti finanziari più una terza in costruzione”

208

Montanari, Avvera - Copia 2“L’idea è quella di creare una società specializzata multiprodotto e multicanale che diventi punto di riferimento per tutto il Gruppo Credem nell’ambito del consumer finance ma che sia anche in grado di operare su mercato open dei non clienti attraverso un modello di business che unisca reti fisica a soluzioni digitali. Avvera è una società specializzata in particolare in finanziamenti alle famiglia come mutui per la casa, cessioni del quinto dello stipendio, prestiti personali”. Abbiamo contattato Lorenzo Montanari, direttore generale e amministratore delegato di Avvera, per porgergli alcune domande sui progetti della nuova società di credito al consumo del Gruppo Credem.

Da quanto tempo siete attivi? 
Avvera proviene dalla trasformazione di Creacasa ed è stata autorizzata a operare come intermediario finanziario lo scorso 8 maggio.


Quali sono i vostri principali punti di forza? Cosa vi distingue rispetto alla concorrenza? 
Uno dei principali punti di forza è senz’altro il modello multiprodotto e multicanale. La società è costituita da due reti di agenti finanziari, più una terza in costruzione, che operano su mutui, cessione del quinto, prestiti personali e prestiti finalizzati. Nel secondo trimestre 2020 avremo anche una soluzione di prestito digitale completamente autoconsistente. Sarà una delle soluzioni più evolute del mercato.


Come è strutturata la rete degli agenti?
La rete è composta da 190 agenti mutui, 90 agenti e 95 collaboratori che si occupano di cessione del quinto. Nel corso dei prossimi mesi sarà costituita una rete specializzata in prestiti finalizzati nel ramo auto, arredamento e servizi. L’ obiettivo al 2022 è arrivare ad avere 500 agenti complessivi. La rete opera in tutte le regioni italiane con esclusione della Valle D’Aosta”.

Quali sono gli obiettivi e le strategie su cui vi concentrerete nel prossimo futuro? 
Il target di volumi di business che la società punta a generare dal 2022 in avanti sono, per ogni anno, 450 milioni di euro di mutui intermediati, 350 milioni di euro di cessioni del quinto erogate e circa 700 milioni di presiti personali e finalizzati, di cui 250 milioni di euro delle filiali Credem.

leggi anche: Avvera (Gruppo Credem) punta a generare 1,5 miliardi annui tra nuovi mutui e finanziamenti a partire dal 2022