MBA: in calo del 14,9% la richiesta di mutui nell’ultima settimana

Secondo quanto pubblicato dalla Mortgage Bankers Association (MBA) nell’ultimo Weekly Mortgage Applications Survey, per la settimana che si è conclusa lo scorso 14 ottobre, la richiesta di mutui negli Stati Uniti è diminuita del 14,9% rispetto ai sette giorni precedenti. Il dato, molto negativo, risente però anche delle vacanze in occasione del Columbus Day.

Il Market Composite Index, che misura il volume del domande di mutui negli Stati Uniti, è quindi diminuito del 14,9% sia nel valore stagionalizzato sia non stagionalizzato. Il Refinance Index, che certifica il tasso di rifinanziamento sui mutui applicato dagli istituti americani è anch’esso calato del 16,6% rispetto alla settimana precedente, mentre il Purchase Index stagionalizzato (un indicatore dell’attività economica che riporta le condizioni del mercato in rapporto al mese/settimana precedente, ndr) si è fermato al -8%, il valore più basso mai rilevato dal 1996.

Per la quarta settimana consecutiva il Market Index, stagionalizzato, è mediamente diminuito del 2,36%. Un calo medio che ha interessato anche il Purchase Index e il Refinance Index che hanno realizzato, rispettivamente, un -1,53% e un -2,58%.

Come al solito, le diverse macroaree geografiche del paese hanno evidenziato valori differenti a proposito delle domande di mutuo: infatti, nell’area del Pacifico si è addirittura registrato un aumento delle richieste pari al 19,6% nel mese di settembre, mentre New England, East North Central e South Atlantic hanno tutte registrato un brusco crollo. Per quanto riguarda invece i rifinanziamenti, anche il Pacifico mostra dati negativi rispetto al mese precedente, mentre c’è stata una crescita nelle aree del Mid-Atlantic, East North Central e New England. Il Wyoming ha totalizzato la più grande crescita nelle domande di mutuo, mentre il Vermont nei rifinanziamenti.

Veniamo ora ai tassi di interessa. Per quanto riguarda i mutui trentennali a tasso fisso (fino a 417.500 dollari) a ottobre si è registrato un aumentato dei tassi che passano dal 4,25% al 4,33% (valori medi) per mutui con loan to value all’80%. Crescita anche per i jumbo mutui, trentennali e a tasso fisso: il nuovo tasso di interesse (medio) è 4,64% rispetto al precedente 4.59%, anche in questo caso con LTV all’80%. Infine i mutui a 15 anni: i tassi di interesse per mutui a tasso fisso salgono dal 3.53% al 3,61% (valori medi), con LTV all’80%.

MBA: in calo del 14,9% la richiesta di mutui nell’ultima settimana ultima modifica: 2011-10-24T17:13:46+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: