Mediazione creditizia: l’Oam lascia invariate le quote d’iscrizione per il 2015

Oam QuadratoL’Oam ha stabilito che il contributo annuale d’iscrizione per le diverse tipologie di soggetti in elenco e per i loro collaboratori non subirà variazioni per l’anno 2015.

“Tale decisione – si legge in una nota – rappresenta un fatto significativo tenendo conto che l’Oam è il primo organismo a operare e vigilare nell’interesse pubblico senza contare, per la propria attività, sul denaro dei contribuenti. Gli introiti dell’Oam, infatti, si basano esclusivamente sui versamenti delle persone fisiche e giuridiche iscritte agli elenchi”.

Secondo i dati comunicati dall’Organismo, al 30 ottobre risultano 9.487 iscritti negli elenchi, così suddivisi:

141125_oamstatistiche

A questi vanno aggiunti 10.520 collaboratori di agenti persone giuridiche e società di mediazione.

Tra gennaio e ottobre, l’Ufficio Elenchi dell’Oam ha concluso quasi 8.400 procedimenti, suddivisi tra iscrizioni, cancellazioni, variazioni e integrazioni dati. “Una media – continua la nota – che supera nettamente le 800 lavorazioni mensili, a dimostrazione che gli Elenchi non solo crescono nei numeri assoluti, ma le variazioni e i turnover al suo interno li rendono ‘vivi’”.

“Il consolidamento della struttura dell’Organismo e l’estensione dei suoi poteri di vigilanza in materia di trasparenza hanno comportato investimenti significativi in persone, sistemi informatici, logistica – ha sottolineato Federico Luchetti, direttore generale dell’Oam -. Per questo siamo particolarmente soddisfatti di essere riusciti, nonostante tale impegno finanziario, a mantenere invariate le quote. Gli obiettivi del 2015 sono l’ulteriore consolidamento del lavoro svolto sin qui per garantire maggior qualità alla professione e il contrasto al fenomeno dell’abusivismo nell’intermediazione del credito, con il contributo di tutti gli operatori del settore”.

Mediazione creditizia: l’Oam lascia invariate le quote d’iscrizione per il 2015 ultima modifica: 2014-11-25T17:06:18+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: