MedioFimaa: approvato il bilancio 2012. Capitale sociale elevato a 2 milioni. Riserve a 475.000 euro

Il bilancio al 31 dicembre 2012 approvato da tutti i soci, Fimaa, Unicredit e Allianz, presenta una lieve flessione (63.941 euro), nonostante l’erogato del 2012 si sia contratto, verso il budget 2012, di circa il 40%. Tuttavia tale risultato economico risulta essere riconducibile ad ammortamenti anticipati, con riserve ordinaria e straordinarie residue che ammontano a 475.000 euro.

Nella relazione che ha accompagnato il bilancio si legge che “l’esercizio 2012 è stato fortemente condizionato da molteplici variabili che hanno radicalmente modificato l’intero mercato della Mediazione Creditizia e quello dei suoi attori. Gli effetti si sono ripercossi con forza sull’attività, che ha subìto dapprima rallentamenti e poi un blocco operativo, da imputarsi ai lunghi tempi di ri-censimento da parte del Sistema Bancario che dopo aver disdettato i Mediatori Creditizi persona fisica li ha ricensiti nella veste di Collaboratori. Inoltre la prudenza del Sistema Bancario prima, e il crollo della domanda in seguito, unitamente al divieto per gli Agenti Immobiliari di intrattenere relazioni con le Banche, si sono aggiunti ai ripetuti rinvii dell’entrata in vigore del D.Lgs. 141/2010, divenuto operativo solo lo scorso 1 novembre”.

Anche MedioFimaa ha risentito della situazione del mercato, in particolare il primo semestre 2012 ha registrato, per la prima volta dal dopoguerra, un calo della fiducia verso il futuro, che ha indotto una diminuzione della domanda di mutui di oltre il 50%. “Anche surroghe e rinegoziazioni nel corso del 2012 hanno pressoché terminato la loro funzione sociale – si legge ancora nella relazione del presidente Mauro Danielli – andando ad esaurirsi. Nel corso dell’anno si sono poi susseguite l’inibizione alla “segnalazione dei mutui da parte degli agenti immobiliari, segmento che per MedioFimaa l’anno prima aveva “pesato” per il 30,9% della produzione mutui (105 milioni), e l’uscita del nostro primo partner dal settore dei mutui (erogato 127 milioni nel 2011, contro 4 milioni nel 2012)”.

Nel 2012 l’attività della società si sono concentrate sulla costituzione del nuovo network di “Promotori Creditizi” che avrebbero dovuto essere ricensiti in veste di collaboratori. Il lavoro è partito dai circa 3.500 mediatori creditizi, persone fisiche aderenti a MedioFimaa, di cui ne sono stati incontrati, in diversi road show sul territorio, oltre 1.000 e ne sono stati selezionati circa 300 di cui 17 team manager, con un complesso sistema di pre-contrattualizzazione: da contratto-ponte, alla contrattualizzazione attuale e definitiva (agente monomandatario iscritto all’Enasarco). Questo lavoro ha portato MedioFimaa al secondo posto per numero di collaboratori, dopo Kiron.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

MedioFimaa: approvato il bilancio 2012. Capitale sociale elevato a 2 milioni. Riserve a 475.000 euro ultima modifica: 2013-05-31T09:00:30+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: