Mef e Abi: firmata convenzione per facilitare l’accesso alla liquidità per le imprese creditrici della pubblica amministrazione

Il collegamento tra la piattaforma elettronica pubblica e il sistema finanziario, recita una nota, permette a banche e intermediari finanziari di verificare direttamente lo stato del credito, velocizzando e semplificando le procedure di anticipazione o sconto per le imprese fornitrici della pubblica amministrazione.

Per supportare le piccole e medie imprese, ha spiegato l’Abi, è previsto un plafond di 10 miliardi di euro. I crediti, che possono essere smobilizzati, devono essere certificati come certi, liquidi ed esigibili. L’anticipazione non potrà essere inferiore al 70% dell’ammontare del credito che l’impresa vanta nei confronti della Pa e la durata sarà coerente con la data di pagamento prevista. Le imprese che possono accedere al plafond “Crediti Pa” sono le Pmi che operano in Italia, definite dalla normativa comunitaria, di tutti i settori. Al momento della domanda non devono avere posizioni classificate dalla banca come sofferenze, partite incagliate, esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute o sconfinanti da oltre 90 giorni, né procedure esecutive in corso. Per le imprese con esposizioni scadute o sconfinamenti da oltre 90 giorni fino a 180, la banca può valutare la realizzazione dell’operazione se il ritardo nel pagamento è imputabile al mancato incasso dei crediti Pa.

Mef e Abi: firmata convenzione per facilitare l’accesso alla liquidità per le imprese creditrici della pubblica amministrazione ultima modifica: 2012-10-24T07:18:42+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: