Mercato immobiliare e mutui in caduta libera. Istat: nel II trimestre contrazione del 23,7% e del 41,2%

I numeri raccolti dall’Istat mostrano che nel secondo trimestre dell’anno le compravendite complessive sono state 167.721. Per quelle relative a unità ad uso residenziale il calo tendenziale registrato nei grandi centri è stato del 21,8%, più contenuto rispetto al meno 25,1% delle città minori. Stessa dinamica ha interessato le compravendite ad uso economico, con un meno 21% nei grandi centri e un meno 27% in quelli secondari.

Per quanto riguarda i mutui, sono stati 69.830 i finanziamenti e le altre obbligazioni verso banche e altri soggetti garantiti da concessione di ipoteca immobiliare. Rispetto ai 118.834 del secondo trimestre 2011 la flessione tendenziale è stata del 41,2%. A livello geografico sono state le Isole a registrare la riduzione maggiore: meno 58,3%. Al Centro invece il calo è stato inferiore alla media nazionale: meno 36%. Anche in questo caso mutui, finanziamenti e obbligazioni garantite hanno registrato una contrazione più contenuta negli archivi notarili distrettuali delle città metropolitane rispetto a quelli dei centri minori: rispettivamente meno 39,1 e meno 42,7%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercato immobiliare e mutui in caduta libera. Istat: nel II trimestre contrazione del 23,7% e del 41,2% ultima modifica: 2012-12-12T12:35:45+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: