Mercato immobiliare europeo: prezzi in leggera caduta e preferenza per i centri città. Il rapporto di RE/MAX Europe

Tuttavia, c’è anche un notevole movimento in periferia. “I nostri colleghi della Repubblica Ceca – ha sottolineato Michael Polzler – ci riferiscono di una maggiore richiesta, a Praga e a Brno, di proprietà leggermente fuori del centro, dove si possono trovare infrastrutture molto ben più sviluppate – ha aggiunto –. Per i prossimi anni RE/MAX si aspetta un’ulteriore crescita del fatturato delle vendite di immobili in periferia, ma con la preferenza sempre orientata ai centri città”.

I prezzi delle case sono in calo, con un -5% rispetto allo scorso anno. Anche per quanto concerne i tempi medi di vendita, vi sono delle differenze nei vari mercati nazionali, laddove sono direttamente correlati al prezzo dell’immobile e a quanto attraente è l’immobile.  Mentre il tempo medio di vendita in Slovacchia e Repubblica Ceca varia tra uno e due mesi, in Italia si deve attendere circa sei mesi per vendere un immobile, ma in alcuni paesi si deve aspettare anche di più. Michael Polzler ha spiegato così il motivo delle lunghe attese nelle vendite: “Il più delle volte il venditore non vuole abbassare il prezzo – ha detto – anzi, attende che l’andamento del mercato provochi un ulteriore aumento. Questo a volte funziona, ma sulla base della  mia esperienza raccomanderei di vendere in un tempo più breve, anche se a un prezzo di poco inferiore. Infatti, più a lungo un immobile rimane sul mercato, meno attraente diventa per i potenziali acquirenti e quindi risulta ancora più difficile da vendere”.

Finora è stato un buon anno per RE/MAX Europe. Anche se la crisi finanziaria internazionale ha lasciato i suoi segni, le transazioni infatti sono aumentate del 28,8% circa. Le migliori Nazioni in tal senso nel 2011 sono state fino ad ora: Portogallo, Svizzera, Italia, Austria e Israele.

Mercato immobiliare europeo: prezzi in leggera caduta e preferenza per i centri città. Il rapporto di RE/MAX Europe ultima modifica: 2011-09-12T16:38:23+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: