Modena, Guardia di Finanza: scoperto “Schema Ponzi” in danno di risparmiatori truffati per 1,5 milioni di euro. Sette indagati

Guardia di FinanzaOltre 1,5 milioni di euro, risparmi di una vita affidati da ignari investitori modenesi nelle mani di promotori finanziari, rivelatisi essere sodali di un gruppo organizzato operante in Italia e all’estero dedito alla commissione di truffe finanziarie, con l’ingannevole prospettiva di consistenti guadagni ed utilizzati, invece, per sostenere il loro elevato tenore di vita. Sono questi gli elementi scoperti dai militari del Comando Provinciale di Modena nell’ambito di complesse e articolate indagini di polizia economicofinanziaria coordinate dalla Procura del capoluogo geminiano, nella persona del sostituto procuratore Marco Niccolini.

La raffinata architettura fraudolenta ricostruita dall’attività dei Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Modena ricalca il cosiddetto “Schema Ponzi”. Si tratta di una costruzione di abbaglio collettivo perpetrato con un sistema attraverso il quale un intermediario, promettendo lauti guadagni, riesce a convincere un numero inizialmente limitato di investitori ad
affidargli notevoli somme di denaro che, in parte, vengono poi utilizzate per corrispondere “finti” interessi ed aumentare, così, l’appetibilità dell’investimento, dando il via ad un circolo “vizioso” in grado di attirare nuovi clienti, a loro volta remunerati con le provviste fornite dai precedenti. Il tutto senza alcun reale investimento finanziario, cosicché il promotore, una volta accumulato un
patrimonio sufficiente ai suoi scopi, possa far perdere le tracce lasciando alle proprie vittime ingenti perdite economiche.

Basandosi su questo collaudato schema, si legge in una nota della Guardia di Finanza, un promotore finanziario modenese è riuscito a ottenere da un’ampia platea di investitori oltre 1,5 milioni di euro che, invece di essere investiti in operazioni speculative sono stati veicolati su due società estere con sede in Lichtenstein, riconducibili ad altri sodali, e da qui distratti per garantire all’associazione di truffatori un tenore di vita ben al di sopra di quello che i risparmiatori ingannati speravano di ottenere grazie ai prospettati guadagni.

Le articolate indagini delle Fiamme Gialle di Modena si sono avvalse anche delle testimonianze di gran parte delle vittime finora individuate, principalmente pensionati, coppie desiderose di offrire ai propri figli una certa sicurezza in futuro, lavoratori, famiglie con vicende personali anche emotivamente toccanti.

All’esito delle investigazioni finora svolte, i Finanzieri di Modena hanno proceduto al sequestro preventivo di beni immobili, mobili registrati e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di circa 1,2 milioni di euro, in esecuzione del provvedimento emesso dal Tribunale di Modena nella persona del gip Andrea Salvatore Romito, in accoglimento della richiesta avanzata dal sostituto procuratore della Repubblica di Modena, Marco Niccolini.

Sette le persone complessivamente indagate per reati che vanno dall’associazione a delinquere, alla truffa, riciclaggio e abusivismo finanziario, domiciliate nelle province di Modena, Torino, Milano, Bolzano e Arezzo.