Mps, al via il piano di riorganizzazione del personale

Banca Monte dei Paschi di Siena ha sottoscritto un accordo sindacale conclusivo per la gestione dei lavoratori in eccedenza nel 2011. Si tratta di 400 dipendenti.

Lo ha reso noto lo scorso 31 marzo l’istituto, precisando che il personale in esubero è stato individuato “nei lavoratori delle strutture centrali che abbiano già maturato il diritto all’erogazione della pensione con possibilità, peraltro, di optare per la risoluzione consensuale ed incentivata del rapporto di lavoro oppure, relativamente ad un predefinito numero di posizioni, per la prosecuzione del rapporto di lavoro presso la rete delle filiali”.

L’iniziativa si inquadra nel percorso di riorganizzazione complessiva della rete commerciale e delle strutture dell’istituto, avviato due anni fa e approvato dal consiglio di amministrazione il 17 dicembre 2010. Grazie ad esso, si legge in una nota, “si potrà ridurre di 180 milioni di euro il battente strutturale di costo e si determinerà una forte ricomposizione del rapporto front office/back office, che crescerà di circa 5 punti percentuali”.

I principali obiettivi del progetto di riassetto sono il rafforzamento della presenza sul territorio partendo dalla centralità della filiale, il recupero della visione integrata del cliente tramite presidi che siano più vicini alle province e ai distretti e dotati di leve adeguate, l’accorciamento delle filiere commerciali e la semplificazione e razionalizzazione delle strutture organizzative con conseguenti livelli di efficienza operativa strutturalmente più elevati.

Mps, al via il piano di riorganizzazione del personale ultima modifica: 2011-04-05T07:03:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: