Mutui: calano le domande dei consumatori e aumentano i tassi di interesse

Dopo una prepotente crescita, la richiesta di mutui negli Stati Uniti è diminuita nella settimana che si è appena conclusa: è quanto riporta il tradizionale Weekly Mortgage Applications Survey della Mortgage Bankers Association (Mba).

Il Market Composite Index, che misura il volume delle richieste di mutui, è infatti diminuito del 5,9% (stagionalizzato) rispetto a sette giorni prima. Non stagionalizzato, il Market Composite Index è diminuito del 6,2%. Per quanto riguarda il Refinance Index, che certifica il tasso di rifinanziamento sui mutui applicato dagli istituti americani, si registra un’ulteriore calo del 7,2% sempre in rapporto alla settimana precedente; infine, il Purchase Index stagionalizzato (un indicatore dell’attività economica che riporta le condizioni del mercato in rapporto al mese/settimana precedente, ndr) perde il 3,9% rispetto a sette giorni prima, ma evidenzia un valore comunque positivo (+4,4%) in confronto alla stessa settimana dello scorso anno.

Per quanto riguarda il confronto con le ultime 4 settimane si registrano leggermente scostanti: infatti, il Market Index stagionalizzato ha un valore maggiore del 0,4%, mentre il Purchase Index stagionalizzato riporta un calo dello 0,8%. In sensibile crescita, invece, il Refinance Index: +0,8%

Da ultimo, i tassi di interesse che dopo cinque settimane di calo tornano a salire: il tasso di interesse medio per i mutui trentennali è infatti aumentato al 4,57% dal 4,51% per i mutui con loan to value (LTV) all’80%.

Segno + anche per quanto riguarda invece mutui a 15 anni a tasso fisso: l’aumento ha portato i tassi di interesse al 3,70% dal 3,67% della settimana scorsa, anche in questo caso per i prodotti con LTV all’80%.

Mutui: calano le domande dei consumatori e aumentano i tassi di interesse ultima modifica: 2011-07-04T09:54:55+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: