Mutui, Crif: ad aprile calo del 16,1% delle interrogazioni relative alle richieste di nuovi finanziamenti

Crif LogoNel mese di aprile il numero di interrogazioni sul sistema di informazioni creditizie di Crif relative a richieste di nuovi mutui e surroghe (vere e proprie istruttorie formali, non semplici richieste di informazioni o preventivi online) da parte delle famiglie italiane ha registrato una flessione del 16,1% rispetto allo stesso mese del 2016: si tratta del più pesante calo di richieste degli ultimi cinque anni.

Secondo l’analisi la variazione negativa potrebbe però essere determinata dall’effetto “calendario” che, per quanto il dato sull’andamento delle richieste venga ponderato rispetto al numero di giorni lavorativi presenti nel periodo di osservazione, ovviamente non tiene conto dei numerosi ponti festivi presenti nel mese.

Di seguito sono riportate in tabella e in forma grafica le variazioni percentuali mensili in valori ponderati, cioè al netto dell’effetto prodotto dal differente numero di giorni lavorativi, sul Sic Eurisc, che raccoglie i dati relativi ad oltre 81 milioni di posizioni creditizie.

La tabella seguente mostra la performance dell’aggregato dei primi quattro mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. La flessione di aprile riporta in negativo il confronto con il corrispondente periodo dell’anno precedente.

Variazione del numero di interrogazioni relative ai nuovi mutui e surroghe ad aprile 2017 (a parità di giorni lavorativi)

Variazione gen-apr 2017 su gen-apr 2016 -3,6%
Variazione gen-apr 2017 su gen-apr 2015 +19,5%
Variazione gen-apr 2017 su gen-apr 2014 +75,6%
Variazione gen-apr 2017 su gen-apr 2013 +94,1%
Variazione gen-apr 2017 su gen-apr 2012 +73,9%
Variazione gen-apr 2017 su gen-apr 2011 -5,6%
Variazione gen-apr 2017 su gen-apr 2010 -10,7%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

L’IMPORTO MEDIO DEI MUTUI RICHIESTI

L’importo medio delle richieste di nuovi mutui e surroghe interrogate sul Sic di Crif nel mese di aprile è risultato pari a 124.992 euro. Prosegue, quindi, la costante ripresa del valore richiesto, che da inizio anno sta registrando crescite continue rispetto al 2016 e nello specifico ad aprile segna un +1,9% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

LA DISTRIBUZIONE PER CLASSI DI IMPORTO DEI MUTUI RICHIESTI

Relativamente alla distribuzione delle richieste per fasce di importo, il mese di aprile ha visto le preferenze degli italiani concentrarsi nella classe compresa tra 100.001 e 150.000 euro, con una quota pari al 29,5% del totale.

Rispetto ai dati rilevati nell’aprile 2016 si nota uno spostamento delle richieste verso le classi di importo maggiori (+1,4 punti percentuali per le classi di importo superiore ai 150.000 euro) a cui corrisponde un calo equivalente della classe di importo al di sotto dei 75.000 euro.

Classe di importo % distribuzione anno corrente
Fino a 75.000 € 26,9%
75.001-100.000 € 20,5%
100.001-150.000 € 29,5%
150.001-300.000 € 20,2%
Oltre 300.000 € 2,9%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

LA DISTRIBUZIONE PER CLASSI DI DURATA DEI MUTUI RICHIESTI

Per quanto riguarda la distribuzione delle richieste di nuovi mutui e surroghe per classe di durata, quella compresa tra i 16 e i 20 anni si conferma essere la preferita dalle famiglie italiane, con una quota pari al 24,2% del totale. Rispetto ai dati di un anno fa, si segnala un allungamento delle durate dei mutui, con un calo delle classi di durata inferiore a 10 anni (-1,7 punti percentuali) a cui corrisponde una crescita delle classi di durata compresa da 21 a 30 anni (+1,2 punti percentuali).

Classe durata mutuo (n° anni) % distribuzione

anno corrente

Fino a 5 1,4%
6 – 10 10,5%
11 – 15 19,3%
16 – 20 24,2%
21 – 25 21,4%
26 – 30 21,2%
Oltre 30 2,0%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

LA DISTRIBUZIONE DELLE RICHIESTE PER FASCE DI ETÀ DEI RICHIEDENTI

I dati relativi alla distribuzione delle interrogazioni in relazione all’età del richiedente, infine, confermano la predominanza della fascia compresa tra i 35 e i 44 anni, con una quota pari al 35,6% del totale.

Nel confronto con il dato di febbraio 2016 si segnala un incremento di +1,1 punti percentuali delle fasce di età comprese tra i 45 e i 54 e tra i 55 e i 64 anni, a cui si contrappone una flessione di -0,5 punti percentuali dell’incidenza delle richieste da parte di giovani al di sotto dei 34 anni, fascia d’età che più di tutte continua a risentire dell’instabilità del mercato del lavoro.

Classe Età % distribuzione

anno corrente

18-24 anni 2,1%
25-34 anni 24,5%
35-44 anni 35,6%
45-54 anni 24,0%
55-64 anni 10,7%
65-74 anni 2,8%
Oltre 74 anni 0,3%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

“Il mese di aprile riporta in negativo il numero di interrogazioni relative alle richieste di nuovi mutui e surroghe rispetto al corrispondente mese del 2016. Per fortuna prosegue il trend di crescita dell’importo medio richiesto, il che ci fa pensare che la capacità di spesa delle famiglie mantenga una certa solidità. È però plausibile che il brusco calo delle richieste registrato in quest’ultimo mese possa essere dovuto anche alle numerose festività e ai ponti in calendario – ha dichiarato Simone Capecchi, Executive Director di Crif -. In tale contesto le aziende di credito dovranno continuare a sostenere il comparto segmentando i propri clienti e prospect, attraverso le informazioni interne ed esterne disponibili, e applicando politiche di Risk Based Pricing per sfruttare al meglio il momento storico caratterizzato dai più bassi livelli di rischiosità degli ultimi anni”.

Articoli che potrebbero interessarti:

Mutui, Crif: ad aprile calo del 16,1% delle interrogazioni relative alle richieste di nuovi finanziamenti ultima modifica: 2017-05-09T12:16:08+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA