Mutui e compravendite, le novità dal 1° luglio

Lo scorso primo luglio è entrato in vigore il decreto legge 78/2010, che regolamenta anche gli atti di compravendita e mutuo. Le novità introdotte dal decreto riguardano principalmente la corretta intestazione catastale dei fabbricati.

In base all’articolo 19, comma 14, della disposizione, non sarà più possibile vendere fabbricati non in regola. L’obiettivo è quello di portare alla luce l’esistenza di abitazioni abusive si cui il catasto non sia a conoscenza.

Le disposizioni di legge

In particolare, nel rogito nel rogito bisognerà fare un espresso “riferimento alle planimetrie depositate in catasto”, pena la nullità dell’atto. Inoltre, il venditore (o il datore di ipoteca) dovrà dichiarare, “la conformità allo stato di fatto, dei dati catastali e delle planimetrie”. In caso contrario l’atto verrà invalidato. Ad ulteriore garanzia, il notaio à dovrà verificare la conformità tra l’intestazione catastale e le risultanze dei registri immobiliari.

Gli atti interessati

La norma riguarda gli atti che hanno per oggetto edifici di qualsiasi natura o loro porzioni e che hanno efficacia sulla loro intestazione. Si tratta di compravendite, divisioni e donazioni. Si estende inoltre ad usufrutto, servitù e ipoteca, poiché sono atti di costituzione e di trasferimento di diritti reali.

I fabbricati esclusi

Sono esclusi dall’applicazione delle nuove norme quei fabbricati già esistenti che non possono essere qualificati come unità immobiliari urbane. Il decreto legge riguarda infatti solo questo tipo di edifici. Rimangono dunque fuori i terreni, i fabbricati rurali, i fabbricati in corso di costruzione o venduti al grezzo, i millesimi delle parti comuni condominiali, i fabbricati collabenti (quelli dichiarati come diroccati).

Il testo del decreto legge è disponibile al link: http://www.gazzettaufficiale.it/guridb/dispatcher?service=1&datagu=2010-05-31&task=dettaglio&numgu=125&redaz=010G0101&tmstp=1275342842525

Mutui e compravendite, le novità dal 1° luglio ultima modifica: 2010-07-27T09:04:22+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: