Mutui: solo il 16% del totale viene concesso agli under 30

“Il fatto che ben il 23% delle domande di mutuo prima casa sia compilato da persone di età compresa tra 18 e 30 anni – ha spiegato Lorenzo Bacca, responsabile business unit mutui dell’azienda testimonia come, nonostante la crisi, permanga la voglia di indipendenza dei giovani italiani”, che però pagano più di altri “gli effetti della contrazione del credito. Quando le banche devono scegliere a chi offrire un finanziamento non guardano unicamente alla solidità professionale ed economica, ma anche alla storia creditizia che ai giovani, per forza di cose, manca”.

Osservando nel dettaglio le procedure di erogazione dei mutui il quadro che emerge è anche peggiore delle apparenze. Un’occhiata ravvicinata rivela infatti che tra gli under 30 che sono riusciti nell’“impresa” una grande percentuale ha ricevuto una qualche forma di aiuto esterno. I mutui mono-firma rappresentano appena il 5,7% del totale e quelli ottenuti da una coppia di giovani sono il 4,8%. Così, per raggiungere il 16% complessivo bisogna prendere in considerazione i finanziamenti in cui vi è un garante o cointestatario adulto, quasi sempre un genitore. Dati che dimostrano in maniera inequivocabile che il 37% delle persone che hanno meno di 30 anni e sono riuscite a ottenere un mutuo ha potuto farlo solo perché supportato da qualcuno.

Ancora, i numeri raccolti consentono di stabilire che la richiesta tipo formulata da un giovane aspirante mutuatario ha un valore inferiore rispetto alla media dei finanziamenti richiesti in Italia per l’acquisto della prima casa e che mira al contempo a coprire una percentuale maggiore del costo da sostenere: 70% del valore dell’immobile rispetto al 60% registrato a livello complessivo. Quanto al tipo di tasso preferito, il variabile va per la maggiore (49% delle richieste), seguito dal fisso (34%).

Da un punto di vista geografico le regioni dove più alta è la percentuale di giovani sono quelle in cui acquistare casa è un po’ più semplice. Prezzi medi degli immobili più bassi o maggiori possibilità di ottenere un lavoro ben retribuito spingono gli under 30 del Friuli Venezia Giulia, della Sicilia e del Veneto a provare ad acquistare casa con più convinzione dei loro coetanei che vivono in altre regioni. Per contro, gli alti costi degli immobili scoraggiano i giovani cittadini di Lombardia, Liguria e Lazio.

Se l’ età media del mutuatario e la durata media del finanziamento richiesto sono uguali in tutta Italia, a variare invece sensibilmente sono gli importi. Le regioni da cui provengono le domande più ingenti sono il Trentino Alto Adige (148.000 euro), la Valle d’Aosta (142.000 euro), il Lazio (137.000 euro) e l’Emilia Romagna (135.000 euro).

“I motivi dei rifiuti da parte delle banche – ha aggiunto Bacca sono sempre gli stessi: la mancanza di contratti di lavoro stabili, l’assenza di un garante o un cointestatario valido e l’indisponibilità di un profilo creditizio affidabile. La conseguenza peggiore di questo stallo è aver privato un’intera generazione di quel “risparmio forzoso” che è il mutuo, da sempre un punto di forza delle famiglie italiane”.

Di seguito la classifica delle Regioni italiane stilata in base agli importi richiesti dagli under 30 al momento della domanda di mutuo e quella in base alla percentuale delle loro richieste sul totale delle domande di mutuo:

 

Regione

Importo medio richiesto

 

 

Umbria

120.000

Campania

118.000

Piemonte

117.000

Sardegna

114.000

Puglia

112.000

Liguria

109.000

Marche

108.000

Sicilia

106.000

Friuli-Venezia Giulia

101.000

Calabria

100.000

Basilicata

99.000

Emilia-Romagna

135.000

Toscana

130.000

Lombardia

127.000

Veneto

124.000

Abruzzo

123.000

Molise

122.000

Valle d’Aosta

142.000

Lazio

137.000

Trentino-Alto Adige

148.000

 

Regione

percentuale di richieste di cittadini fino a 30 anni

Friuli-Venezia Giulia

31%

Sicilia

29%

Veneto

27%

Campania

26%

Puglia

26%

Calabria

25%

Piemonte

25%

Sardegna

25%

Marche

24%

Emilia-Romagna

23%

Basilicata

23%

Toscana

22%

Umbria

21%

Molise

20%

Lazio

20%

Liguria

19%

Lombardia

19%

Trentino-Alto Adige

15%

Valle d’Aosta

8%


@RIPRODUZIONE RISERVATA

Mutui: solo il 16% del totale viene concesso agli under 30 ultima modifica: 2013-01-22T15:37:47+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: