Mutui, su i tassi. Cosa cambia

La Bce monitorerà da vicino lo sviluppo dell’inflazione, che nell’area dell’euro “resterà in futuro nettamente sopra il 2% nei mesi a venire. All’interno del processo produttivo restano rilevabili pressioni al rialzo, soprattutto per quanto riguarda i prezzi dell’energia e delle materie prime”.

Un rialzo atteso sui mercati
In realtà l’intervento di Trichet era già scontato dal mercato e gli indici Euribor nel mese di giugno hanno anticipato il rialzo portandosi giorno dopo giorno verso l’1,50%” spiega Roberto Anedda, vicepresidente di Mutui Online.it, società di mediazione creditizia attiva sul web.
Chi sta rimborsando un mutuo a tasso variabile ha quindi già visto o vedrà a breve la propria rata aumentare. “L’aumento per un mutuo da 100.000 euro sarà in media compreso tra i 10 e i 15 euro al mese, ma se il mutuo prevede il ricalcolo mensile dell’ammortamento l’aumento della prima rata potrebbe essere anche del doppio, pur se l’effetto su quelle successive gradualmente si ridurrà” precisa Anedda.
Secondo MutuiOnline.it ci si può aspettare un altro aumento dello 0,25% prima della fine del 2011.

L’andamento dei tassi e le scelte delle famiglie
Guardando a come il rialzo del costo del denaro  inciderà sul mercato dei mutui sottolineiamo che i tassi si muovono al rialzo stabilmente fin dall’inizio dell’anno e questo ha gradualmente modificato le scelte delle famiglie”. Nel primo semestre del 2011 sono aumentate le richieste per finanziamenti a tasso variabile, che a giugno sono arrivate al 45% del totale. Ad esse si somma un altro 22% di variabili con cap. La preferenza verso il tasso fisso è invece arretrata dal 37 al 30%, “dal momento che le migliori offerte si sono allontanate dai minimi di fine 2010 e sono ora a ridosso del 5%, un livello storicamente ancora basso e interessante” aggiunge Anedda.
Molti analisti però valutano che nel lungo termine le prospettive di rialzo dei tassi “non siano eccessive e che quindi il tasso variabile potrebbe restare al di sotto o in linea con questi valori di tassi fissi” conclude.

Mutui, su i tassi. Cosa cambia ultima modifica: 2011-07-09T08:05:44+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: