Mutui, Tecnocasa: finanziamenti per acquisto prima casa al massimo storico

84

Mutui Patto MarcianoL’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato i dati di Banca d’Italia relativi allo stock di mutui in essere concessi alle famiglie italiane per l’acquisto dell’abitazione. Tracciando il trend storico ne è emerso che nel quarto trimestre 2018 si è registrato lo stock di mutui in essere più alto di sempre: ha raggiunto i 322.918 milioni di euro.

Nel terzo trimestre del 2018 si era fissato il nuovo massimo con oltre 320 miliardi di euro. Con questo trimestre ci lasciamo quindi alle spalle il risultato dello scorso trimestre e viene fissato un nuovo massimo a quasi 323 miliardi di mutui in essere attivi.

Il passo con il quale crescono le consistenze è un segnale di stabilità: +3% su base annua (+0,84% su base trimestrale).

Alla luce dei favorevoli tassi di mercato con i quali i finanziamenti, durante l’ultimo triennio, sono stati collocati, e in parte anche rinegoziati, lo stock è in buona parte composto da mutui a tasso fisso o variabile con cap, il che presuppone un minor rischio sia in capo alle famiglie che in capo agli istituti eroganti.

Si delinea quindi uno scenario favorevole al proseguimento del trend positivo riguardo al credito alla famiglia che dovrebbe far registrare una probabile ulteriore crescita per il I trimestre 2019.

Di seguito, il grafico con l’andamento dello stock mutui dal primo trimestre 2016 al quarto trimestre 2018 e la tabella con la distribuzione per regione delle consistenze rilevate a fine 2018:

DISTRIBUZIONE TERRITORIALE PER REGIONE
DEI MUTUI IN ESSERE (mln €)
REGIONECONSISTENZEPESO % SUL TOTALE
LOMBARDIA             78.734.70724,38%
LAZIO             43.041.67413,33%
VENETO             28.445.3318,81%
EMILIA-ROMAGNA             28.144.1978,72%
PIEMONTE             24.609.5917,62%
TOSCANA             23.970.5727,42%
CAMPANIA             17.709.4905,48%
PUGLIA             14.647.9234,54%
SICILIA             14.442.3524,47%
LIGURIA             10.044.6833,11%
FRIULI-VENEZIA GIULIA               7.038.1862,18%
MARCHE               6.513.9912,02%
SARDEGNA               6.121.8741,90%
TRENTINO-ALTO ADIGE               5.615.5101,74%
ABRUZZO               4.457.8741,38%
UMBRIA               3.558.4231,10%
CALABRIA               3.453.8151,07%
BASILICATA               1.082.5200,34%
MOLISE                   725.4760,22%
VALLE D’AOSTA                   559.8410,17%