Mutui Usa, allarme del senatore Corker: “Le nuove regole che i regolatori stanno studiando potrebbero nuocere alla concorrenza”

Corker punta il dito soprattutto contro i Qrm, qualified residential mortages, una particolare tipologia di mutui classificati come più sicuri rispetto agli altri. Per questi finanziamenti i regolatori Usa vorrebbero introdurre un’eccezione alle nuove regole che prevedono che i soggetti che concedono un prestito siano obbligati a mantenere una parte dei crediti cartolarizzati sui propri bilanci. Una norma pensata per contenere la diffusione di prestiti qualitativamente “scadenti”.

Il problema di questa proposta, ha sottolineano il senatore repubblicano, è che nel gruppo dei Qrm entrerebbero a far parte anche i mutui garantiti da Fannie Mae e Freddie Mac, imprese private supportate dal governo statunitense, le cosiddette goverment sponsored enterprises. In questo modo i finanziamenti concessi dalle due società, insieme a quelli Federal housing administration finirebbero, per assorbire la quasi totalità delle domande dei cittadini, spingendo fuori dal mercato i competitor privati.

“Stabilire regole diverse per vari tipi mutui non è una buona idea. Anzi, in questo modo si rischia di arrivare a risultati diametralmente opposti a quelli che dobbiamo perseguire: svincolare i prestiti immobiliari dai sostegni governativi”, ha spiegato Corker in una lettera pubblica inviata a diverse agenzie governative, incluso il dipartimento del Tesoro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Mutui Usa, allarme del senatore Corker: “Le nuove regole che i regolatori stanno studiando potrebbero nuocere alla concorrenza” ultima modifica: 2013-01-24T18:05:43+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: